Pioli aspetta il Pescara: “Voglio vincere ancora, testa e fisico sono ok”. Riecco Medel in difesa

L’Inter contro il Pescara ultimo in classifica cerca la settima vittoria consecutiva: “Dobbiamo vincere più partite possibili per far diventare determinanti gli scontri diretti con Roma e Napoli in casa – ha commentato Pioli -. Non sottovalutiamo il Pescara, abbiamo voglia di continuare a giocare come stiamo facendo”. L’Inter nei mesi è cresciuta molto: “Stiamo bene di fisico e testa, vogliamo tenerla alta a lungo e giocare con determinazione”.

LE PAROLE IN CONFERENZA

Tre gare in sette giorni e la Juve all’orizzonte, c’è il rischio di sottovalutare il Pescara?
No, siamo concentrati sulla nostra striscia positiva e sul campionato. Abbiamo voglia di continuare così

Come ha visto Gabigol?
Sono tutti disponibili tranne Murillo che va valutato dopo l’influenza. Tutti possono essere scelti

Ci sarà turnover in vista di Lazio e Juventus?
La partita più importante è la prossima. Vogliamo continuare a fare bene, ma sappiamo che non sarà semplice contro il Pescara come abbiamo visto a Palermo. Sabato sera poi penseremo ad altro

Nonostante il filotto non avete recuperato punti a chi è davanti: può essere frustrante?
Chi insegue sa che il proprio destino non dipende solo da noi. Se continueremo a vincere vorrà dire che accorceremo un po’ la classifica. Sappiamo che dobbiamo vincere più partite possibile da qui alla fine del campionato, anche per far diventare determinanti gli scontri diretti in casa

Da queste tre partite ti aspetti una risposta sulle reali prospettive della squadra?
Ogni partita è una tappa importante per le nostre ambizioni. E’ sicuramente una settimana stimolante e motivante, ci faremo trovare pronti

Quale sarà la cosa più importante da dimostrare?
Dobbiamo giocare da squadra nelle due fasi di gioco e avere un gruppo attivo e voglioso di dare ritmo alla gara per superare gli avversari

Sente di avere la squadra che non è inferiore alle altre?
So di avere un gruppo molto forte e che ha capito quanto è importante sacrificarsi e aiutarsi. Possiamo giocarcela con tutti

E’ stato un mese impegnativo, come state atleticamente?
Durante la pausa invernale abbiamo lavorato bene e tanto. Stiamo bene e quei quattro giocatori che hanno giocato di più non hanno avuto cali fisici. Molto dipende dalla testa che in questo momento è positiva, vogliamo tenerla alta a lungo

Con Ansaldi out, toccherà a Nagatomo?
O lui o Santon, vedrò in allenamento

Cosa pensa dell’evoluzione tattica della Juventus?
In questo momento ho studiato solo il Pescara. Quando penserò ai bianconeri vedrò cos’è cambiato e se preoccuparmi

La chiave per affrontare gli scontri diretti, qual è?
Essere consapevoli della propria qualità e saper restare in partita con concentrazione. Se sei una grande squadra ogni occasione è buona per essere decisiva. Questa è la qualità e la mentalità che deve avere una grande squadra

FONTEsportmediaset.mediaset.it/