Perisic e Icardi destini opposti: il croato è implacabile, il numero 9 nullo

L’Inter è tornata alla vittoria a San Siro dopo oltre 2 mesi e l’ha fatto con i gol dei due esterni: Politano e Perisic. Il croato è arrivato a sette gol nelle ultime sette sfide al Chievo e, allargando la lente, quattro reti nelle ultime sette partite.

Meno male che Perisic c’è, verrebbe da dire. Ivan aveva timbrato anche con Genoa, Frosinone e Roma. Ossigeno puro per un’Inter che adesso fa maledettamente fatica a segnare. L’altra faccia della medaglia porta il nome di Mauro Icardi, protagonista dell’ennesima prova incolore. Al momento della sostituzione ai fischi (soliti) della Curva Nord si sono aggiunti quelli di uno spicchio di San Siro stufo dell’immobilismo dell’argentino, il quale se vorrà convincere Conte a non farlo partire dovrà dare il massimo in questi ultimi 180′.