Pazzini per Cassano, Inter e Milan ci pensano

Gli scambi fra Inter e Milan sono stati un vero e proprio must dei calciomercato all’inizio del secondo millennio. Come non ricordare ad esempio la ‘trade’ che portò Coco in nerazzurro e Seedorf al Diavolo, operazione che a posteriori si rivelò un autentico crack per il Diavolo e un vero buco nell’acqua per la società di Corso Vittorio Emanuele. Da quel momento i rapporti fra le due società milanesi in sede di mercato si sono raffreddati. Dopo tanti anni però gli scambi sull’asse Milan-Inter possono tornare d’attualità perché le due dirigenze stanno pensando di scambiarsi due attaccanti: Antonio Cassano e Giampaolo Pazzini.

L’idea è clamorosa però può concretizzarsi alla luce dei rapporti che i due giocatori hanno con le rispettive società d’appartenenza. Al Milan, dopo la cessione di Ibrahimovic, serve disperatamente una prima punta che garantisca gol e peso all’attacco di Massimiliano Allegri. Pazzini sarebbe perfetto e arriverebbe alla corte del Diavolo con quel bagaglio di motivazioni extra e la volontà di dimostrare a Moratti e Stramaccioni di essersi sbagliati a liquidarlo in fretta e furia.

Dall’altra parte il Milan deve guardarsi dal mal di pancia di Cassano che dopo le cessioni di Ibrahimovic e Thiago Silva ha manifestato la sua insofferenza a restare in una squadra che, a detta di FantAntonio, ‘può al massimo pensare di lottare per qualificarsi alla Champions League’. Per questo il barese potrebbe vedere di buon occhio il passaggio dall’altra sponda dove troverebbe un presidente che non ha mai nascosto di apprezzare le doti dell’ex romanista (Massimo Moratti) e un tecnico giovane con il quale c’è molto simpatia (Andrea Stramaccioni).

Per l’Inter Cassano non sarebbe il vice Milito (che a quel punto diverrebbe Palacio) ma un attaccante duttile che potrebbe svolgere tutti i ruoli nel tridente a supporto della prima punta. Il dato è tratto perché il tutto si concretizzi ci sono 13 giorni a disposizione.

Fonte: Eurosport