Pagelle Torino-Inter (0-0): Handanovic saracinesca, Hernanes l’ultimo ad arrendersi!

Hernanes
Hernanes

Handanovic 7 (Migliore in campo) – Pronti, via; e Samir si trova un avversario sul dischetto. Stavolta è il turno di Larrondo, che francamente calcia male, ma il portiere nerazzurro conferma comunque la sua fama di pararigori. Per il resto, pochi pericoli dalle sue parti. DECISIVO.

Juan 6,5 – Il migliore dietro. Non si fa mai sorprendere, duro all’occorrenza, se c’è l’occasione prova a far salire la squadra palla al piede. AUTORITARIO.

Ranocchia 5,5 – È ordinato nei recuperi, ma Quagliarella lo brucia sempre in velocità. IMBALLATO.

VIdic 6 – Tra lui e gli arbitri italiani è subito colpo di fulmine: si prende un rosso a tempo quasi scaduto per un applauso a Doveri. Colpo di fulmine deve essere stato anche quello che ha steso Quagliarella in occasione del rigore, perché lui non lo tocca. BENVENUTO.

Dodò 5,5 – Prudente nel primo tempo, nel secondo sfoggia meglio le sue qualità. Tende più spesso ad accentrarsi che a cercare il cross dal fondo. REGREDITO.

M’Vila 5,5 – Poco dinamico, copre ma non imposta mai. APPESANTITO.

Medel 6,5 – L’esordio in serie A non è mai facile, ma lui non sembra spaventato. Ringhia e morde, meglio lui di M’Vila. Sceglie la maglia numero 18, quella che fu di Zamorano. AMARCORD.

Jonathan 6 – Nel primo tempo manda puntualmente Darmian a comprare le caramelle. Netto calo fisico nella ripresa. Non mette in area un calcio d’angolo nemmeno per sbaglio. ALTALENANTE.

Hernanes 6,5 – Impreciso nel tiro. Gioca meglio a centrocampo che da trequartista (questa cosa era già nota); l’unico a cercare il cambio di passo nella ripresa e l’ultimo a deporre le armi. COMBATTENTE.

Kovacic 5 – Sembra aver sparato tutte le cartucce contro il tenero Stjarnan. Lontano parente del dominatore della partita di Europa League, si nasconde per 90 minuti e si fa vedere solo per un tiro a fine primo tempo di potenza brezza primaverile. ETEREO.

Icardi 5,5 – Combatte ma perde tutti i duelli fisici con i difensori granata. Troppo solo nel primo tempo, quando gli viene affiancato Osvaldo si muove meglio. TIMIDO.

Osvaldo 6 – Una manciata di minuti e rischia di portare l’Inter in vantaggio, Padelli si supera. Ci prova, sempre. VOLENTEROSO.

D’Ambrosio: sv

Nagatomo: sv

Mazzarri 5 – Nel precampionato ha provato diversi moduli, molti, uno di quelli mai mai provati è il doppio mediano. Si intestardisce come sempre a tenere una sola punta, ed il risultato è sempre lo stesso: pochi rischi dietro, quasi nessuna occasione davanti. SOLITO.