Pagelle Parma-Inter (2-0): squadra senza gioco, ennesimo fallimento di Mazzarri

Handanovic 4,5 – Non esce sul primo gol, si fa passare la palla in mezzo alle gambe nel secondo. DISASTROSO

Ranocchia: 5 – Non interviene sul cross che porta al  vantaggio del Parma. Nella ripresa gioca da terzino ma non è il suo ruolo. PASTICCIONE

Vidic: 5 – Anche lui co-protagonista colpevole in occasione del primo gol ducale. E per tutta la partita dimostra di non giocare con la dovuta tranquillità. INSICURO

Juan Jesus: 5 – Rimedia ad alcuni suoi errori con la velocità ma in fase di impostazione è troppo impreciso. DISORDINATO

Obi: 4,5 – Si perde De Ceglie in occasione del gol ma giocando fuori ruolo non ha i meccanismi automatici per giocare in quel ruolo. ABBANDONATO

Kuzmanovic: 5 – Per i primi 45 minuti passeggia per il campo. Nella ripresa il mister gli cambia ruolo per ben 3 volte peggiorando ogni volta la situazione. IMBAMBOLATO

Parma-Inter-MedelMedel: 5,5 (il meno peggio in campo) – Se è lui il giocatore che imposta vuol dire che veramente qualcosa non va. Corre per tutto il campo ma spesso a vuoto. VAGABONDO

Kovacic: 5 – Il primo tempo non azzecca una giocata e sbaglia troppi passaggi. Un po’ meglio nella ripresa dove , grazie ad una deviazione, colpisce un palo esterno ma la prestazione rimane insufficiente. SPENTO

Dodo: 5 – In affanno in difesa e troppo impreciso in avanti dove sbaglia una quantità industriale di cross. SBALLATO

Palacio: 4 – Gioca troppo lontano dalla porta commettendo errori elementari. L’occasione sprecata nella ripresa è la fotografia della sua prestazione di oggi. INNOCUO

Icardi: 4,5 – Non lo si vede mai per l’intera partita. FANTASMA

Hernanes: 5 – Non è al meglio e lo si vede. Non da la scossa alla squadra e trova una sola conclusione alta verso la porta avversaria. MENOMATO

Bonazzoli: sv

Camara: sv

Mazzarri: 3 – In un anno e mezzo non è riuscito a dare un gioco alla squadra che vive solo di giocate dei singoli, giocatori che scendono in campo senza sapere cosa fare, giocatori schierati fuori ruolo, scelte di mercato volute da lui in gran parte sbagliate, preparazione atletica approssimativa.  FALLITO