Pagelle Milan-Inter 0-0: Icardi spreca tutto, 2 punti persi

Handanovic: 7 – Fenomenale su Bonucci, chiude la strada anche a Crutone. MURO

Cancelo: 6,5– In difesa a volte va in difficoltà ma in avanti è un treno ad alta velocità e non lo ferma nessuno. FRECCIA PORTOGHESE

Skriniar: 6,5 – Puntuale nelle chiusure, fa valere la sua fisicità. Unica pecca l’ammonizione evitabilissima ad inizio ripresa. MASTINO

Miranda: 6,5 – Nell’ultimo periodo sembra essere tornato il difensore senza sbavature ammirato all’Atletico Madrid. LUCIDO

D’ambrosio: 5,5 – Perde qualche pallone di troppo e raramente si fa vedere in avanti lasciando Perisic troppo isolato sulla fascia. FRENATO

Brozovic: 7 (migliore in campo) – Ormai completamente a suo agio nel suo ruolo, prende per mano la squadra dettando i ritmi di gioco. Va vicino al gol in due occasioni. DIRETTORE

Gagliardini: 5,5 – Un passo indietro rispetto alle ultime prestazioni. Soffre quando orbita davanti alla difesa ed i suoi inserimenti sono innocui. SOPORIFERO

Candreva: 5,5 – La corsa non manca ma sul più bello sbaglia sempre l’ultimo tocco. IMPRECISO

Rafinha: 6 – Si piazza tra le linee e fino a che la condizione lo sorregge è pericoloso. Soffre ancora gli impegni ravvicinati ma è senza dubbio il giocatore indispensabile per fare il salto di qualità. GENIALE

Perisic: 5,5 – Primo tempo senza spunti,  meglio nella ripresa ma sbaglia troppo quando entra in area di rigore. SVAGATO

Icardi: 4,5 – Si mangia 2 gol a porta spalancata, errori inusuali da un killer come lui sotto porta. SCIAGURATO

Borja Valero: 5,5 – Il suo ingresso non porta nessun beneficio alla squadra. ANONIMO

Eder: 5,5 – Non lo si vede mai, vero che gli arrivano pochissimi palloni ma lui fa ancora meno per andare a trovarli .FANTASMA

Spalletti: 6 – Schiera la formazione tipo ma è tradito da Icardi sotto porta. Quelli di questa sera sono più due punti persi che uno guadagnato. RAMMARICATO

Litografo/grafico, ama l’Inter dall’età di 6 anni. Non si perde una partita, tv o stadio, da quasi 20 anni. Tifoso interista al 101% anche se certe volte molto critico verso le scelte della società.