Pagelle Juventus-Inter (3-0): una resa senza attenuanti

Handanovic: 5,5 – Non sembra impeccabile sulla conclusione di Dybala ma sarebbe ingeneroso indossare a lui anche una minima colpa per questo scempio di partita. TRISTE

D’Ambrosio: 5 – Invece di correre cammina, sovrastato da Evra. BRADIPO

Murillo: 4 – Ma il suo allenatore glielo ha detto che ogni tanto bisognerebbe anche temporeggiare in difesa? AVVENTATO

Miranda: 5 – Anche lui stasera è sembrato in confusione non riuscendo ad arginare le avanzate avversarie. COLABRODO

Nagatomo: 4 – Umiliato da Cuadrado. Ennesima partita da dimenticare ma Mister Mancini continua a puntare su di lui. Prima o poi spiegherà anche il perchè. TRAVOLTO

Melo: 4 – Regala il pallone del 2 a 0 a Morata, sbaglia in fase di impostazione e nullo in quella di interdizione. RACCOMANDATO

Medel: 5 – Graziato dall’arbitro per un fallo di mani non ha i piedi e la tecnica per impostare. INADEGUATO

Kondogbia: 4,5 – Rallenta puntualmente il gioco sembrando un corpo estraneo alla squadra. ALIENO

Biabany: 5 – Corre a vuoto per il campo senza sapere cosa fare. VAGABONDO

Jovetic: 4 – Fallisce una chance per riaprire la partita ciccando il pallone da solo in mezzo all’area. Non da profondità alla squadra perdendosi in giocate inutili. CLOWN

Liajic: 5 – Ha due occasioni per trovare la conclusione in porta ma perde l’attimo cercando di trovare una giocata ad effetto. SPRECONE

Brozovic: 5,5 – Entra quando la partita è già segnata ma fa poco per cercare di cambiare rotta alla partita. MOLLE

Icardi: sv

Juan Jesus: sv

Mancini: 4 – Di gioco nemmeno l’ombra, giocatori che sembrano fisicamente a pezzi e che in campo non sanno cosa fare, scelte di formazione discutibili e per finire alcune sue richieste di mercato cominciano a rilevarsi completamente sbagliate. Il risultato di stasera l’ovvia conseguenza. Con la Juve si può perdere ma non cedere le armi in questo modo. COLPEVOLE