Pagelle Inter-Pescara (3-0): Sette Bello Inter

Handanovic: 6 – Una sola imprecisione nel primo tempo riscattata dal intervento su Bahebeck nella ripresa. VIGILE

D’Ambrosio: 7 – Brillante in entrambe le fasi, macina chilometri sulla fascia e realizza il gol che sblocca la partita. DURACEL

Medel: 6,5 – Praticamente insuperabile negli uno contro uno anche questa sera dimostra di cavarsela meglio nel ruolo di difensore che quello da playmaker in mezzo al campo. CONCENTRATO

Miranda: 6 – I centravanti del Pescara non gli procurano particolari grattacapi e si limita al compitino ed evita di commettere falli inutili per non farsi ammonire. PRUDENTE

Nagatomo: 5,5 – La squalifica di Ansaldi gli regala la maglia da titolare ma non sfrutta al meglio l’occasione. Gioca una partita troppo timida e soffre le rare sortite di Zampano. MOLLE

Brozovic: 6,5 – Suo l’assist  per il primo gol, visione di gioco completa dai suoi piedi nascono gran parte delle trame offensive. Unica pecca della serata la poca precisione al tiro. INTELLIGENTE

Gagliardini: 6,5 – Punto di riferimento del centrocampo si fa sempre trovare al posto giusto nel momento giusto. DINAMICO

Candreva: 6 – Il suo solito apporto sulla fascia, confeziona cross e conclusioni dirette in porta. COSTANTE

Joao Mario: 7,5 (migliore in campo) – Oltre a realizzare il suo secondo gol consecutivo, svaria per tutto il fronte offensivo dimostrando di passare un ottimo momento di forma. GRANITICO

Perisic: 6,5 – Quando decide di accelerare per gli avversari sono dolori. L’assist a Joao Mario ne è la prova lampante. ENERGICO

Icardi: 6,5 – Non trova la rete personale ma con i suoi movimenti mette in difficoltà la difesa avversaria ed è determinante in due gol. GENEROSO

Eder: 7 – Entra subito in partita e va in gol dopo soli due minuti dal suo ingresso in campo. DETERMINATO

Gabigol: 6 – Il pubblico lo applaude al suo ingresso e per poco non li fa esplodere sfiorando il gol. MASCOTTE

Santon: sv

Pioli: 7 – La squadra ha trovato finalmente un suo equilibro fisico e mentale ed il gioco è in crescita costante. MAESTRO