Pagelle Carpi-Inter (1-2): Jo Jo nuovamente decisivo

Handanovic: 6,5 – Incolpevole sul gol del Carpi, precedentemente nel primo tempo aveva salvato il risultato con 2 ottimi interventi. SICUREZZA

Santon: 5,5 – Spinge poco e rischia il rosso con un intervento (già ammonito) al limite del giallo . SPENTO

Miranda: 6 – Praticamente perfetto per 75 minuti va in difficoltà quando Castori inserisce Di Gaudio che lo fa ammattire in più di una occasione. SORPRESO

Murillo: 6 – Nel primo tempo rischia grosso con un entrata in ritardo su Matos in aerea di rigore. Si riscatta in parte nella ripresa ma dovrebbe entrare con meno irruenza e meno platealmente sugli avversari. AVVENTATO

Juan Jesus: 6 – Non ha gli automatismi da terzino ma nonostante questo spinge più di Santon effettuando alcuni cross pericolosi che mettono in difficoltà la difesa avversaria. Nel recupero ha la palla per arrotondare il risultato. VOLENTEROSO

Guarin: 6,5 – Gioca in maniera quasi fastidiosa sbagliando quasi tutti i palloni toccati.Appunto quasi.Infatti da un suo lancio nasce il primo gol di Jovetic ed è lui a conquistarsi il rigore decisivo. CROCE E DELIZIA

Kondogbia: 5,5 – Si accende solo per pochi minuti nella ripresa. Per il resto disputa una partita al piccolo trotto senza concretezza. FUMOSO

Medel: 6,5 – Lotta su tutti i palloni e su tutti gli avversari. MASTINO

Brozovic: 5,5 – Schierato ancora una volta da trequartista fatica troppo ad adattarsi a questo ruolo sbagliando tanto e creando poco. INVOLUTO

Palacio: 4,5 – Mai in partita. Non ha più il passo da seconda punta e il killer instinct da prima. TRISTE

Jovetic: 7,5 (migliore in campo) – Tre gol in due partite, sei punti guadagnati con le sue reti al novantesimo. In questo momento è lui il vero leader della squadra. DECISIVO

Nagatomo: 5 – Appena entrato si fa sorprendere da Di Guadio sul gol del momentaneo pareggio. INGENUO

Hernanes: sv

Ranocchia: sv

Mancini: 6 – La squadra tiene molto il pallone ma gran parte dei passaggi sono orizzontali e la manovra è spesso lenta e laboriosa. Il lavoro da fare è ancora tanto e sarà da valutare più avanti a mercato finito. La nota positiva è che l’anno passato queste partite non si vincevano. FORTUNATO