Olè intervista Zanetti: “Tornerò se sarò ancora utile, altrimenti smetto”

Javier Zanetti non vuole mollare. Nonostante l’infortunio al tendine d’Achille, vuole allargare i propri sogni di carriera all’Inter: «È una sfida».

Il tuo infortunio ha generato molte reazioni nel mondo del calcio…
Si, in realtà quella è stata la cosa più positiva dell’infortunio. Sono stato molto felice, ho ricevuto molte telefonate, messaggi da un sacco di gente, non solo calcio, ma anche altri sport, allenatori, funzionari. L’altro giorno ho chiamato Beckham, mi ha detto che lui ha subito la stessa cosa, di restare tranquillo che tornerò. Anche Martin Palermo, il Tigre Gareca, Sabella. Quello che mi ha fatto più felice non è stato solo il supporto dell’Inter, ma anche quello dei rivali storici e di molte persone che hanno lasciato messaggi di incoraggiamento in una casella mail in televisione che è stata appositamente aperta al pubblico per l’invio di messaggi al sottoscritto.

Hai pensato al peggio, al momento dell’infortunio?
Ho capito che era una cosa seria, dal dolore che sentivo. E quando il dottore mi ha toccato, mi ha detto che il tendine era rotto e si doveva operare. Quando sono arrivato negli spogliatoi ho subito pensato al recupero, perché è il mio primo infortunio grave. Il fatto che sia arrivato a questo punto della mia carriera non compromette nulla, se fosse giunto prima sarebbe stato molto più difficile. La prendo come una sfida, ma con la pace e la serenità di essere in grado di recuperare e stare bene.

Che cosa ti attrae di più nel continuare a giocare a calcio?
Voglio continuare perché mi diverto ancora, mi piace stare con i miei compagni di squadra, andare agli allenamenti tutti i giorni. Mi diverto ancora, l’infortunio non cambia il mio modo di pensare. Tornerò e poi mi renderò conto se sarò o meno ancora utile per la mia squadra. In caso contrario, direi basta.

Molte persone ti hanno inviato messaggi dicendo che meriti di chiudere la carriera sul campo, giocando. È questo che ti senti?
Sì, è la mia idea, voglio tornare a giocare almeno una partita almeno. Se poi saranno di più, meglio ancora.

Di cosa avete parlato con Sabella durante la sua visita?
Con Alejandro abbiamo parlato molto, mi ha chiesto dell’infortunio. Era preoccupato anche per l’infortunio di Messi, ma l’ho visto molto bene, contento di come stanno andando le cose in Nazionale.

Come vedi la squadra nazionale?
Mi piace la serenità che Alejandro trasmette. A Leo Messi lo vedo sempre più cruciale, come referente e leader del gruppo. La fascia da capitano a lui va molto bene, è un leader molto positivo e suoi compagni di squadra lo seguono.

E come vedi Messi personalmente?
È molto difficile da descrivere, perché in tutte le partite inventa qualcosa di nuovo e sorprendente. Gli aggettivi non sono abbastanza. Non ha limiti, continua a migliorare, un ragazzo che ha fatto 91 gol in un anno è una cosa dell’altro mondo. Siamo di fronte ad uno dei migliori di sempre e la cosa più incredibile è che lui è ancora giovane.

Sembra che sia lui l’unico che può battere il tuo record di presenze …
Vorrei che fosse così, lui è giovane e gli auguro sempre il meglio. Per me è un grande traguardo aver raggiunto quota 145 presenze in Nazionale.

Hai qualche spiegazione per questo momento difficile dell’Inter?
‘Penso che dopo sei o sette anni in cui abbiamo vinto tutto, è normale che poi finisca. Ci deve essere un ricambio generazionale. L’Inter ha venduto molti giocatori importanti e reimpostare un nuovo gruppo competitivo richiede tempo. Siamo in questa fase e bisogna accettare la situazione anche quando le cose vanno così.

– Perché pensi che Moratti ami molto affidarsi agli argentini?
Credo che sia perché gli argentini hanno sempre risposto, in ogni momento, buono o cattivo che fosse. L’argentino è affidabile e sempre disponibile alle esigenze del club.

– Cambiasso ha rilevato la tua fascia di capitano, cosa significa per te?
Il nastro è in buone mani, ah. Ora che sono fuori tocchi coprirà benissimo quel ruolo, conosciamo tutti il Cuchu e se lo merita.

Fonte: Fcinter1908.it