Ricavi triplicati per Inter e Milan grazie al nuovo stadio. Lo spiega oggi la Gazzetta dello Sport, che parla di 80 milioni di ricavi a testa in più all’anno. I numeri parlano chiaro: con il vecchio Meazza, nel 2018-19, l’ultima stagione prima della pandemia, l’Inter ha registrato 45 milioni di ricavi da stadio e il Milan 34. “Uno sfruttamento intensivo ed efficiente dell’impianto da gara, al di là dei 90 minuti, può moltiplicare le entrate di un club – si legge -. Prendete il Camp Nou: dei 175 milioni di volume d’affari solo 72 provengono dalla biglietteria. Il differenziale di 80 milioni del nuovo stadio meneghino deriva, quindi, non solo dalla possibilità di rendere più confortevole e ricca l’esperienza dei tifosi nel match-day, aumentando l’incasso medio per posto disponibile (in Serie A rende la metà della Premier League e della Liga e il 30% in meno della Bundesliga), ma anche dall’implementazione o miglioramento di tutte le attività collaterali, dal tour al museo allo store ufficiale ai ristoranti, e dalla digitalizzazione della struttura. A quel punto Inter e Milan si posizionerebbero sul segmento di prima fascia europea, in termini di ricavi da stadio, attorno a quota 120 milioni annui a testa (il triplo dell’attuale regime), in linea con le potenzialità dei rispettivi bacini d’utenza”.

L’obiettivo, dopo i tanti rallentamenti nell’ultimo biennio, è quello di posare la prima pietra entro la fine del 2022, con la proiezione per finire i lavori al 2025. Lì dovrebbe arrivare la tanto attesa inaugurazione del nuovo impianto. “Inter e Milan si disperano per i ritardi accumulati e per lo svantaggio competitivo derivante da fattori esterni al sistema calcio (che pure ha i suoi limiti e le sue colpe). È un tema, oltretutto, di potere di spesa sul mercato. Immaginate quali margini d’investimento si verrebbero a creare con quegli 80 milioni in più”, sottolinea la Gazzetta. Aspettare ancora non si può. Una volta depositata l’integrazione dello studio di fattibilità e il piano economico del masterplan, i club attendono quindi il sì della giunta per fare partire il progetto esecutivo. Poi si passerà alla scelta tra la Cattedrale di Populous e gli Anelli di Manica Sportium.

FONTEfcinternews.it