Non solo l’Inter di Zhang è costretta a far fronte alle spese, ma molti club europei si trovano a dover fare i conti con gli sforzi economici intrapresi durante la pandemia (come riporta calciomercato.com). A partire dal monte ingaggi fuori portata in questo particolare momento storico. Squadre del calibro di Real Madrid, Barcellona, Bayer Monaco e PSG dovranno parlare con i calciatori al fine di operare qualche taglio necessario e vitale. L’unica eccezione è stata la Premier League: grazie ai diritti tv, nonostante il duro anno, le squadre non sono andate in difficoltà.

Ad appesantire enormemente le casse del Barcellona c’è il grande stipendio di Lionel Messi: al lordo annualmente percepisce circa 110 milioni di euro. A novembre la società blaugrana ha congelato 191 milioni di euro grazie a un accordo stipulato con i giocatori. Così, come riporta anche la Gazzetta dello Sport, è riuscita a posticipare il pagamento di 172 milioni, 122 dei quali erano per la remunerazione fissa. Inoltre gli ingaggi più sostanziosi sono stati spalmati nel corso della stagione.

Il Real Madrid, invece, aveva già tagliato il 10% dello stipendio di tutti i giocatori un anno fa. Vorrebbe fare la stessa cosa anche quest’anno.

FONTE90min.com