Nedved polemizza, Marotta pensa all’Inter: messaggio ricevuto ma

Gli occhi erano puntati pure su di lui oltre che sull’Inter chiamata a riscattarsi immediatamente dopo la sconfitta contro la Juventus e dopo l’eliminazione in Champions League. Beppe Marotta è stato protagonista della sua prima volta al Meazza da dirigente nerazzurro, si è seduto accanto al presidente Steven Zhang e al vicepresidente Javier Zanetti e l’abbraccio, al cucchiaio di Icardi, viene spontaneo.

Sembrava strano a dire il vero, ma è una nuova avventura e il dirigente la sta vivendo già a pieno. Aveva parlato nel pre partita e aveva parlato anche di senso di appartenenza. Non ha risposto invece nel finale alle parole di Nedved arrivate da Torino, dove si giocava il derby.

A Dazn, il vicepresidente bianconero aveva detto: «Marotta è un professionista vero, fa strano vederlo in un’altra squadra adesso che è ufficiale, ma forse non è mai stato davvero juventino». E La Gazzetta dello Sport a proposito scrive: “Messaggio ricevuto, ma niente repliche: Beppe sceglie questa strada”.

Beppe Marotta
Beppe Marotta

Chiusa anche la questione sollevata dai giornali il giorno dopo la conferenza di Spalletti nella quale il mister aveva parlato delle dichiarazioni del neo dirigente sul supporto che l’Inter è pronto a dargli.

Ed è stata una specie di noi contro tutti perché il mister in sala stampa ha detto chiaro e tondo ai giornalisti: “Con Marotta ce l’avete dura, siamo amici da tantissimo tempo”. Come a dire, se volete metterci l’uno contro l’altro non ci riuscirete. Si fa quadrato attorno all’Inter. Da qualche parte si deve sempre ricominciare.