Natalino: “L’Inter non mi ha abbandonato, sarò sempre grato. Quando mi ritirai…”

CrotoneInter per i nerazzurri sarà anche l’occasione per riabbracciare Felice Natalino, ex difensore costretto a lasciare il calcio giocato qualche stagione fa per problemi cardiaci. Classe ’92 Natalino, con la maglia dell’Inter ha esordito anche in Champions League, quando in panchina c’era un certo Benitez. Nel 2012 la brutta tegola, i problemi al cuore lo costringono a lasciare il calcio giocato ma l’amore per questo sport e per i colori nerazzurri non lo allontanano definitivamente. “Nella mia famiglia lo sport è come l’aria: impossibile farne a meno. Giocavo pure a volley, ma calciare un pallone era un’emozione troppo forte. Passavo ore a ore sui campi, quanti sacrifici fatti da mio padre. Quando sono passato al Crotone, mi portava ogni giorno all’allenamento, poi restava in tribuna. Due ore dopo eravamo di nuovo in macchina sulla via del ritorno: in tutto 220 chilometri”.

I SACRIFICI E L’INTER – “Potevo restare a dormire a Crotone, ma c’era la scuola da finire e mamma preferiva così. Anche con gli impegni calcistici in aumento: a 15 anni finisco in Nazionale di categoria e nel 2009 disputo l’Europeo Under 17 in Germania: finiamo terzi come la Svizzera. Che poi vincerà il successivo Mondiale dopo averci eliminato ai quarti. Io nel frattempo ho cambiato panorama: Inter.