Napoli–Inter (1-0) | Pagelle Bauscia

  • 6Julio CesarL’AcchiappasogniBravo sulla conclusione di Dzemail evitando prima il gol al Napoli.REATTIVO
  • 5,5NagatomoBomba NagatomicaNel primo tempo è travolto da Maggio, nella ripresa un po’ meglio e verso la fine offre un pallone d’oro a Pazzini.ALTERNO
  • 6SamuelTHE WALLCon le buone e con le cattive cerca di arginare gli attaccanti del Napoli riuscendoci per gran parte della partita.SOLIDO
  • 5,5LucioIL MINISTRO DELLA DIFESANon è più il baluardo del 2010 e sembra sempre essere in difficoltà a guidare la difesa nero azzurra.SOFFERENTE
  • 6FaraoniL’AquilottoIl meno peggio dei suoi. Nel primo tempo contiene Zuniga nella sua fascia, nella ripresa provoca l’espulsione di Aronica.VIVACE
  • 5CambiassoCuchuStritolato dal centrocampo del Napoli. Un mistero vederlo in campo.SVUOTATO
  • 5ZanettiEl TraktorStasera da salvare solo la generosità ma anche la prestazione del capitano e pressochè nulla.IMPALPABILE
  • 5StankovicDekiAltra cariatide in campo. L’unico sussulto lo regala al momento della sostituzione che sembra non accettare. LOGORO
  • 4ForlanEl CachaNon tocca nemmeno una boccia girando a vuoto per quarantacinque minuti. Per qualche dirigente doveva essere il sostituto di Eto’o.NULLO
  • 4,5MilitoIl PrincipeIl “magic moment” di Dicembre/Gennaio sembra svanito ed è ritornato il giocatore del dopo “triplete”.MACCHINOSO
  • 4,5SneijderIl Cecchino di UtrechLo si vede solo in occasione di un calcio di punizione. Per il resto non pervenuto.INESISTENTE
  • 4PazziniPazzoNon fa sicuramente meglio di Forlan e riesce anche a sbagliare un gol da un metro. Dopo i primi buoni mesi dell’anno scorso anche lui sembra essere uno dei tanti errori di mercato.BLUFF
  • 5CordobaCaffè ColombiaEntra in campo e sembra non sapere cosa deve fare. Sul gol bruciato da Lavezzi.CONFUSO
  • SVPoliPOLIE’ giovane, ha voglia. Forse bisognerebbe inserirlo dall’inizio al posto di qualche vecchia gloria. INGIUDICABILE
  • 1RanieriIL LORDAltra prestazione indecente della squadra. Sbaglia formazione iniziale e per 90 minuti se ne sta immobile e in silenzio a bordo campo. Gli unici segni di vita e di grinta li ha nelle interviste di fine partita dove non manca di dichiarare che lui non ha nessuna intenzione di dimettersi.SENZA VERGOGNA
  • Pagelle curate da Simone Trenti – The Bek