Mourinho: «Inter? Tutto cominciò da calci e facce di m….»

MourinhoSono cambiate tante cose in cinque anni per l’Inter e José Mourinho, che spera di ritrovare la sua ex squadra nell’Europa che conta: «Voglio giocare a San Siro contro l’Inter nella prossima Champions», ha spiegato il tecnico portoghese, che ai microfoni de La Gazzetta dello Sport ha ricordato l’intervallo che cambiò la storia dell’annata 2009/10, quando l’Inter conquistò il Triplete. Tutto partì a Kiev, da un confronto negli spogliatoi durante la partita contro la Dinamo Kiev: «Non dimenticherò mai quelle facce tristi durante l’intervallo. Allora ho presi a calci tutto quello che avevo davanti e ho detto che, dopo la sconfitta, non avrei voluto vedere bambini che piangevano. Ho urlato: “Se proprio deve succedere, voglio che perdiamo dopo aver dato tutto. Voglio coraggio e non facce di merda”. Poi abbiamo parlato di tattica e ci siamo preparati a giocare prima con tre e poi con due difensori. Ricordo le loro facce quando ho spiegato come giocare a due dietro. Pensavano: “Questo è pazzo…”», ha rivelato Mourinho.

MOTIVAZIONI – Parla da tifoso nerazzurro lo Special One, che augura una svolta decisiva anche al collega Walter Mazzarri: «Quel match in cui abbiamo gettato in campo tutto e tutte le punte ha segnato la svolta della nostra stagione, non solo per la qualificazione. Se può succedere lo stesso alla squadra di Mazzarri dopo il 7-0 al Sassuolo giocato in modo spregiudicato? Non ho visto il match, però 7 gol sono proprio tanti. Da risultati pazzi come questi arrivano motivazioni e fiducia incredibili. Speriamo in un’Inter forte e vincente».

Fonte: calcionews24.com