Moratti-Thohir, le firme entro 3 giorni.

Andato a male il terzo incrocio con avversari di prima fascia, l’Inter adesso dovrà pazientare due settimane per poter tornare in campo e dimenticare i tre gol incassati dalla Roma. Prossimo avversario il Torino in trasferta: non certamente l’avversario e le condizioni ideali per ripartire, specie dopo una pausa-nazionali.

L’ATTESA – Attesa in campionato e attesa anche sul fronte societario. Le parole di ieri di Moratti non hanno fatto ulteriore chiarezza sui tempi del closing nella trattativa che porterà la cordata indonesiana capitanata da Erick Thohir a prendere la maggioranza del club. “Sto anch’io aspettando di capire come finisce”, ha detto ieri l’attuale presidente nerazzurro. Quel che è certo è che anche in queste ore gli uffici legali di entrambe le parti in causa, Cleary&Gotlieb e Jones Day, stanno lavorando duramente per chiudere questa fase di verifica dei contratti, in modo da arrivare alle firme.

UN RISCHIO – L’agognato signing, infatti, deve giungere entro e non oltre mercoledì prossimo. “Per il 29 ottobre è fissata in seconda convocazione l’Assemblea dei soci che dovrà deliberare il ripianamento delle perdite, l’aumento di capitale e l’ingresso dei soci e che determinerà il nuovo Cda che dovrebbe poi riunirsi nei giorni successivi. Ma perché tutto questo avvenga in tempo, servono una ventina di giorni dopo le firme per l’effettivo passaggio del 70% delle quote (closing) alla società veicolo creata da Thohir e dai soci Roeslani e Soetedjo”, spiega la Gazzetta dello Sport. Un ritardo ulteriore, comporterebbe un rischio ben preciso. “Per siglare l’accordo definitivo però bisogna prima trovare la quadra su un paio di cavilli legali e commerciali e sulla governance. Passaggi che non possono mettere a rischio l’intera operazione, ma che potrebbero richiedere qualche giorno in più. E a quel punto il vero rischio sarebbe quello di dover convocare un’Assemblea straordinaria una settimana dopo quella di fine ottobre (scadenza imposta dal codice civile) per ufficializzare l’ingresso nella società nerazzurra degli indonesiani”, conferma la rosea.

NUOVA VITA – Insomma, tempi stretti per la chiusura dell’affare. Ancora un po’ di attesa, poi l’Inter ripartirà con nuova vita. Magari, dimenticando in fretta pure i tre schiaffoni di Totti e compagni.