Moratti: “Soddisfatto dell’Inter. EL? ci credo perché Mancini è un vincente. Sabato…”

Sabato 16 maggio, alle ore 18.00, ci sarà il derby d’Italia tra Inter e Juventus. In quel giorno l’ex patron dell’Inter, Massimo Moratti compirà 70 anni.

Per l’occasione ha rilasciato un’intervista al Corriere della sera: “Soddisfatto del rendimento della squadra che grazie alla vittoria contro la Lazio è rimasta in piena corsa per l’Europa League? Sì, sono soddisfatto e credo che buona parte del merito sia di Mancini: il nostro allenatore è un vincente e sta facendo le cose per bene. Vedo bene il suo lavoro e come ha ricostruito il gruppo, dandogli sicurezze e un buon gioco. Contro la Lazio abbiamo avuto anche un po’ di fortuna, il che nel calcio non guasta mai, ma i tre punti rimangono comunque importantissimi per la classifica. Fiducioso per la qualificazione all’Europa League oppure pensa che il gap sia difficile da colmare visto il calendario complicato che l’Inter ha? La squadra è nelle condizioni di disputare un bel finale di stagione. La vedo bene anche perché l’allenatore ha delle ottime idee dal punto di vista tattico. Certo, la qualificazione all’Europa League dipende anche dai risultati delle altre formazioni, quelle che attualmente siamo ancora costretti a inseguire (Fiorentina, Sampdoria e Genoa, ndr). Noi intanto dobbiamo pensare a fare il massimo nelle ultime tre gare e poi vedremo. Sabato Inter-Juve? Molto dipenderà da che Juventus ci troveremo di fronte. I bianconeri sono già campioni d’Italia: magari saranno meno aggressivi e spero un po’ scarichi e stanchi visto che domani (stasera, ndr) giocano la partita più importante della loro stagione. Come festeggerò il mio 79^ compleanno? No, dai, lasciamo stare (sorride, ndr). Non mi va di parlare del mio compleanno. Gli anni passano e poi manca ancora tanto tempo… (sorride di nuovo, ndr). Un regalo dall’Inter se batte la Juventus Battere la Juventus sarebbe sicuramente un bel regalo, ma certe cose non puoi chiederle o preventivarle. Magari fosse così facile… Se però succedesse”.

FONTEfcinter1908.it