Mou, ecco come Moratti potrebbe riportarlo all’Inter. Le condizioni…

Impossibile, impossibilissimo o possibile? Se lo chiede la Gazzetta dello Sport e se lo staranno chiedendo tutti i tifosi dell’Inter. José Mourinho nuovamente tecnico dell’Inter, uno scenario sognato dalla stragrande maggioranza del tifo nerazzurro. “Mai dire mai”, ha detto ieri il lusitano, che in molti danno ormai ai titoli di coda con il Real Madrid.

PSG E NON SOLO – “Si balla fra la prima e la seconda ipotesi (e il Psg pressa un bel po’…), anche se nel calcio non si sa mai”, si legge sulla Gazzetta dello Sport. Mourinho intende vincere la Champions League con il Real e poi potrebbe davvero dire addio alla Casa Blanca, forse portandosi dietro Ronaldo. Il club di Parigi pare sulle sue tracce e un’esperienza in Francia stuzzicherebbe non poco lo Special One, già trionfatore in Portogallo, Inghilterra, Italia e Spagna. Ma non solo Psg, perché anche Chelsea e City pensano a lui per arrivare sul tetto dell’Europa.

LE CONDIZIONI DI MORATTI – In questo contesto, l’Inter appare più che defilata. Ma attenzione. “Domanda: ma se arrivassero davvero nuovi (forti) soci dall’estero e Moratti decidesse di fare il colpaccio richiamando Mou? Domanda legittima e che alimenterebbe ulteriormente il «Non si sa mai..», ma è certo che un altro tassello importante per un ritorno di Mou sarebbe la prossima Champions, per ora lontana”. Lo spiega la Gazzetta nell’edizione odierna. L’unica chiave per riportare Mou a Milano sarebbe, quindi, quella di riavere potere economico (e non poco) per accontentare le richieste del tecnico, parallelamente ad ambiziosi obiettivi sportivi, che al momento sono per forza di cose piuttosto ridotti.

STRAMA C’E’ – “Vero è che il numero uno nerazzurro disse così anche prima di prenderlo davvero, ma oggi i parametri economici che l’Inter si è imposta sono ben altri. E poi finché non sarà ufficiale un suo addio, è anche giusto ricordare il presente di Stramaccioni: se arriverà terzo in classifica, la panchina dovrebbe restare sua e solamente sua, anche se poi davanti al ciclone-Mou sarebbe difficile resistere”, conclude la Gazzetta.

Insomma, il presente e (si spera) anche il futuro si chiama Andrea Stramaccioni. Mourinho all’Inter è “impossibile, impossibilissimo o possibile?”, si domandava la Gazzetta. Impossibilissimo, ad oggi. Però mai dire mai. Soprattutto ai sogni.

Fonte: fcinternews.it