Milito suona la carica: “Dobbiamo lottare e puntare al massimo”

Centravanti come Milito non esistono” ha detto Andrea Stramaccioni questo pomeriggio in conferenza stampa.

Il grande protagonista della gestione-Stramaccioni (fino ad ora) è stato proprio lui, Diego Milito. Il mister ha deciso di affidare a lui le chiavi dell’attacco. E’ stato più volte provato come unica punta in vari moduli.
E lui è pronto a ricambiare tutta la fiducia che Stramaccioni gli sta dando. Ha affiancato il mister il conferenza stampa e ha parlato della stagione che verrà.

LOTTARE  – “Dobbiamo lottare. Come ha detto il mister abbiamo una buona base. Potremo parlare solo con la rosa al completo, ma sono certo che dobbiamo puntare al massimo e al raggiungimento di grandi traguardi. Noi siamo l’Inter!”, queste le parole dell’attaccante argentino.

SQUADRA – Altruista e nobile il principe, come in campo anche con le parole: “La cosa più importante  è sempre il collettivo, la squadra. Io comunque mi alleno e proverò a dare il massimo”, ha detto.

CONDIZIONE – All’inizio della scorsa stagione nessuno credeva in lui. L’eroe del Triplete sembrava finito. Poi è arrivato il suo riscatto personale, ha concluso la stagione in una condizione strepitosa e ne è consapevole: “Mi auguro di iniziare la stagione come ho terminato la precedente”.

MERCATO – Sempre al suo posto. A chi gli ha chiesto del mercato e di un suo ‘vice‘, Diego ha risposto: “Non devo consigliare io i giocatori alla società. Ci sono persone che lavorano per questo“.

INTER 2010 – Gli chiedono un piccolo un confronto tra Andrea Stramaccioni e José Mourinho, ma il principe non ha dubbi, ogni squadra è diversa, ogni squadra ha la sua storia: “Ogni allenatore è diverso, ognuno ha la sua impronta, ognuno ha il suo nome, noi cercheremo di fare quello che vuole il tecnico. Sempre, comunque, ci sono cose simili e la mentalità vincente è una somiglianza con quella squadra“.

Fonte: Fcinternews.it