Milito: “Mandare via De Boer è stato un errore! I giocatori devono prendersi le proprie responsabilità”

Reduce dall’addio al calcio giocato, il Principe Diego Milito, da sempre uomo derby, ai microfoni de La Gazzetta dello Sport ha parlato della super sfida di questa sera e del momento nerazzurro:

A Milano il derby è tra poche ore… E il Milan sembra arrivarci meglio.“Vero. La rosa dell’Inter è superiore, ma per ora i rossoneri hanno dimostrato di essere più squadra. Bravo Montella, lo stimo molto”.

Milan favorito dunque? “La classifica sembra dire questo, ma spesso soprattutto il derby sovverte i pronostici. Nella stagione in cui Leonardo subentrò a Benitez, sempre dopo una sosta per le nazionali, noi eravamo lanciati e invece vinsero loro 3-0”.

Anche quest’anno l’Inter ha cambiato allenatore in corsa. Che idea si era fatto di De Boer? “Ottima. Mandarlo via credo sia stato un errore. Gran persona e tecnico con idee vincenti, che avrebbe potuto dare una nuova mentalità a squadra e club. Bisognava solo lasciargli tempo. Ma senza risultati, paga sempre l’allenatore”.

Invece è arrivato Pioli. “Bravo anche lui, magari un po’ più “classico” dell’olandese. Ma le sue squadre sono sempre organizzate e unite”.

Proprio ciò che serve ora all’Inter. Eppure contro la Juve la sensazione era di una squadra compatta. “Incredibile che poi siano arrivati quei risultati. Difficile giudicare da fuori, ma la rosa rimane da Champions. Se però non fai punti è difficile cementare lo spogliatoio”.

Esonerato De Boer, i giocatori non hanno più alibi? “No. E’ il momento in cui ognuno deve prendersi le proprie responsabilità”.

Per Pioli, esordire in un derby è un bene o un male? “Un bene. Serve una scossa e Milan-Inter è l’ideale. Batterli significherebbe la svolta, darebbe fiducia a tutti”.

Il terzo posto è realistico? “Ci spero tanto, ma parlarne ora sarebbe sbagliato. Tra noi e la zona Champions ora ci sono tanti punti e tante squadre. Tutto passa però da fiducia e motivazioni. Se indossi la maglia dell’Inter devi sempre puntare al massimo”.

Un messaggio che si cercherà di recapitare ai giocatori anche attraverso il suo amico Samuel. “Sono felice che Walter sia tornato all’Inter. E’ una gran persona, ci metterà carisma ed esperienza. Parla poco? Parla il giusto e sa farsi sentire”.

Biglia servirebbe all’Inter? “Sarebbe perfetto per far girare la squadra. Ha grinta, tecnica ed esperienza. Anche di Serie A”.

Sarà il derby di Icardi? “Lo spero. Ma mi basta vincere! E mi sembra di capire che nelle prossime convocazioni, nell’Argentina potrebbe esserci posto anche per Mauro”.

Pure il «milanista» Balotelli fatica a tornare in nazionale. Eppure ha appena detto che se sta bene lui gioca sempre. “A poca gente ho visto fare le giocate che regalava lui alla Pinetina. Però se non cambia testa in fretta…”.

FONTEFCINTER1908.IT