Milano è nerazzurra!

Un derby anomalo quello che si è giocato stasera al Meazza, un derby senza Massimo Moratti (rimasto a New York), un derby senza coreografie da parte delle due tifoserie. La digos ha impedito alla curva sud di introdurre il materiale utile alla composizione delle coreografie, la curva nord per solidarietà e protesta, ha deciso di adeguarsi. Strano vedere le due curve così “spoglie”, è mancata sicuramente una componente fondamentale del derby. Il primo tempo non è giocato a ritmi altissimi dalle due squadre, ed è abbastanza equilibrato fino a quando l’arbitro Mazzoleni nega clamorosamente un calcio di rigore all’Inter (Zapata aggancia Palacio). Sembra che ci sia una maledizione che impedisce agli arbitri di capire quando c’è un calcio di rigore per noi. Parecchi falli e scontri molto duri, chiudono il primo tempo di gioco.

Il secondo tempo è un susseguirsi di cartellini gialli assegnati a giocatori di entrambe le squadre, qualche emozione arriva dall’ottantesimo minuto in poi con due occasioni mancate per l’Inter, entrambe di Palacio, alla terza però, il Trenza non sbaglia e all’85’ porta l’Inter in vantaggio!

Durante i quattro minuti di recupero, il tempo sembra non pasare mai, i tifosi sono entusiasti per il gol, ma la tensione e la paura son tante! Il nervosismo dilaga e al 92′ viene espulso Muntari per una spinta su Kuzmanovic.

Per il Milan non c’è niente da fare, la partita termina così, l’Inter si porta a casa la vittoria del derby e tre punti importantissimi sia per la partita che per il morale della squadra! Primo derby vinto da Mazzarri e prima vittoria per il presidentre Thohir!

Questa sera Milano è nerazzurra!