Il dilemma di Thohir: mercato low cost o grandi colpi?

I nomi che si rincorrono per questa finestra invernale di mercato in casa Inter sono tanti, e soprattutto costano tanto. Da Mata, a Lamela, passando per Lavezzi. Questi, senza dimenticare le ipotetiche cessioni di Guarin e Ranocchia che porterebbero soldi freschi da reinvestire per rinforzare la squadra. Un piccolo passo in questo senso pare sia già stato fatto con D’Ambrosio, che in queste ultime ore pare vicinissimo alla Milano nerazzurra. Ma un dubbio comincia a serpeggiare: Thohir farà investimenti importanti? È vero che il calciomercato è proprio agli inizi, e il tempo per trattare non manca, però le intenzioni del nuovo Magnate nerazzurro non sembrano orientate verso grandi esborsi per una squadra che comunque ha un grande bisogno di rinforzi, almeno uno per reparto. A rendere ancor più difficile il compito a Thohir sono due i fattori: il bilancio, che si chiuderà ancora pesantemente in passivo, e un calciomercato estivo non all’altezza delle aspettative, che ne limita le decisioni. Basti pensare all’attacco. Infatti l’Inter in questa prima parte di stagione ha giocato senza attaccanti di ruolo, dal momento che Palacio non è una prima punta, e il rendimento dei neoarrivati Icardi, ma soprattutto Belfodil, è stato piuttosto deludente. Non è d’altro canto però sempre possibile far combaciare i due fattori, anche perché di giocatori che possono rendere possibile il salto di qualità non sempre sono a buon mercato.