Medel vuole solo l’Inter: no a Valencia ed Everton, si chiuderà a 9 milioni

Gary Medel
Gary Medel

Gary Medel e l’Inter, più che promessi sposi. Si sono cercati, voluti, trovati. Una storia partita nelle segrete stanze di Corso Vittorio Emanuele prima ancora che iniziasse il Mondiale: Ausilio e Thohir studiano la lista di idee per il centrocampo, Medel è sottolineato in rosso. Perché a Walter Mazzarri fa letteralmente impazzire. Corre, non si ferma mai, recupera palloni, sa giocare da mediano, da interno, da difensore quando serve soprattutto in una difesa a tre.

E da due settimane, Medel si è praticamente promesso all’Inter. Patto di ferro: contratto di 5 anni, 1,8 milioni a stagione tra bonus e parte fissa, la volontà ferma di arrivare in Italia e giocarsi la grande occasione di una buona carriera. Questo è quello che vuole Gary, il pitbull – come lo chiamano tutti – che in Spagna si è messo in mostra, al Mondiale ha brillato con il Cile di Sampaoli e ora vuole ‘scappare’ dal Cardiff.

La retrocessione del club gallese è stato un incentivo all’addio per Medel, giocatore più pagato nella storia del Cardiff: 13 milioni di euro, tanti. Per questo il club di Vincent Tan ne chiedeva almeno 11 fino a qualche giorno fa per privarsi di Medel. Poi, la missione determinante degli intermediari e dell’agente del giocatore a Londra. Sul tavolo il patto di ferro tra Gary e l’Inter, nessuna volontà di ascoltare altre proposte. Da qui, la necessità di trattare alle condizioni di Piero Ausilio: 7 milioni pagabili in tre anni e affare a titolo definitivo, in alternativa prestito oneroso con obbligo di riscatto ma valutazione ferma su quei 7 milioni. Con il Cardiff obbligato a scendere sul prezzo, ‘merito’ della volontà del cileno: a 9 milioni si può chiudere.

Ausilio è ancora in Inghilterra, dove si stanno svolgendo colloqui e incontri. Per cercare la soluzione giusta e stringere, tutto sarebbe facilitato da una cessione a centrocampo anche se ancora non si è sbloccato niente né da Taider, né da Kuzmanovic, né da Guarin. Sono tutti in vendita: si faccia avanti chi può, per adesso – di serio – si è mosso poco o nulla.

Medel aspetta, quindi. E aspetta l’Inter. Tanto da aver rifiutato un sondaggio dell’Everton, come anche i primi (timidi) approcci del Valencia e di alcune società russe. “No, grazie”: Gary vuole l’Inter, finché la trattativa c’è e resta nel vivo dà la sua assoluta priorità. Un patto importante nell’ottica di questa operazione non facile. Aspettando che si sblocchi l’affare tra società. Medel è stato chiaro: niente Cardiff, solo Inter. Più che promessi sposi; adesso, però, senza tirare troppo la corda.

Fonte: goal.com