Mazzarri valuta l’addio al calcio!

Walter Mazzarri, tre giorni dopo. Non parla, è meglio che qualcuno parli di lui. O per lui. Cambia molto, o cambia poco: dipende. Su Repubblica, Andrea Sorrentino, interologo nonché vicino a WM, gli dedica una pagina accurata. Nella quale, vedi il titolo, “Mazzarri è siciuro che dietro il suo esonero”, ci sia, “la vecchia Inter”. E che Thohir “sia stato convinto da altri”. La cacciata degli argentini, prima ipotesi dei siluri contro. Il feeling in ribasso con Moratti, l’altro particolare da non trascurare.

Ebbene, a corredo di una storia lunga 16 mesi e conclusa come sappiamo, la mattina di giovedì 13 novembre, ecco il finale del “pensiero” di WM: “Ora vuole solo staccare, godersi il riposo e il lauto stipendio fino a giugno 2016″. Ovvero, 5,5 milioni di euro, per i prossimi 19 mesi.
“A un’altra squadra per ora non pensa. Il mondo del calcio lo ha un po’ disgustato. Fra molti mesi deciderà se rimettersi in strada, oppure se è davvero opportuno piantarla qui”.

E da qui, il mondo social ha aperto il dibattito inchiesta/interrogativo su Mazzarri che è (sarebbe) pronto a lasciare il calcio, ovvero il mestiere di allenatore. Vero che la centrifuga-Inter a volte azzera la voglia di allenare: è già accaduto. Ma è anche vero che WM oggi vede intorno fantasmi trroppo grandi per essere veri: l’Inter, purtroppo, ha finito il suo ciclo di sorrisi con la Coppa Italia di Leonardo a maggio 2011. Dopo, per Gasperini, Ranieri, Stramaccioni e Mazzarri appunto è sempre stata la stessa, soffertissima, amara storia.

A proposito: auguri a Roberto Mancini.

Fonte: Sport Mediaset