Mazzarri-Thohir, c’è già feeling

Prima ancora del suo insediamento nell’organigramma nerazzurro, prima ancora delle firme sugli atti ufficiali, qualcuno aveva già dipinto Erick Thohir come un rivoluzionario pronto a cambiare i connotati dell’Inter dalla testa ai piedi, senza risparmiare nessuno, allenatore compreso. Addirittura c’era già chi ipotizzava un avvicendamento in panchina già a fine stagione, suggerendo nomi come Heynckes o Mourinho. In realtà, almeno al momento, certe voci sono destinate a rimanere tali, perché tra l’indonesiano e Walter Mazzarri sembrerebbe esserci una buona intesa.
Il tecnico toscano fa sapere che non direbbe di no a una proposta di rinnovo presentatagli dal nuovo azionista di maggioranza, e ci sarebbe da stupirsi del contrario, ma la relazione tra i due è partita comunque con il piede giusto.
Parlare di colpo di fulmine è prematuro, ma ad oggi l’atmosfera è serena, e trattandosi di Casa Inter, non è un fatto scontato.
Thohir ha ribadito a più riprese che le sue priorità sono altre: c’è una fatturato da far lievitare al più presto, una campagna acquisti più vicina di quanto non si pensi, in cui si vedrà per la prima volta la mano del nuovo arrivato, e poi a Mazzarri toccherà il compito di continuare il lavoro iniziato in estate e tentare la scalata a quel terzo posto che stravolgerebbe, in positivo, il futuro dell’Inter. Risultati alla mano, si saprà se quello tra lui è Thohir è solo un fuoco di paglia o un amore destinato a durare.

Fonte: tuttomercatoweb.com