Mazzarri: “Scudetto e rinnovo, può succedere”

Una nuova Inter, la rivoluzione è appena iniziata. Nuovo tecnico, nuovi acquisti, nuova società. Sono passati anni dal fantastico Triplete di Mourinho, Sneijder, Eto’o e compagnia. Ora Erick Thohir, Ricky Alvarez, mister Walter Mazzarri.

Chiamato dopo gli anni di Napoli, l’allenatore livornese ha cominciato discretamente bene nella sua prima stagione nerazzurra, mettendo in cascina venticinque punti in dodici partite. La distanza dalla vetta non è poi così elevata, sette le lunghezze dalla Roma capolista.

Premiato con il Trofeo Maestrelli per la scorsa stagione napoletana, il tecnico dell’Inter prova a parlare di Scudetto, senza addentrarsi nella lotta primaverile: “Io guardo partita per partita, ovvio che quelle più avanti sono più accreditate, ma il bello del calcio è che può succedere veramente di tutto. E’ vero che da primo in classifica non l’ho mai vinto, ma se consideriamo blasone e valore della rosa qualche scudetto l’ho già vinto anch’io…”.

Da qualche mese è a Milano, dove si trova benissimo. Un rinnovo contrattuale? Perchè no: “Sono abituato a dimostrare, tanto che quando Moratti mi propose l’Inter chiedendomi la durata del contratto io dissi uno più uno, poi diventato due. Con Thohir mi sono trovato bene, se mi chiedesse di allungare il contratto ne parlerei eccome, non potrei certo dire di no a una cosa bella e gratificante”.

Non è più il patron, il presidente, il numero uno, ma Moratti rimarrà comunque vicino: “Non immagino di non vederlo più vicino a noi, a livello personale il rapporto continuerà nel tempo”. Anche da presidente onorario, di certo, sarà sempre il tifoso numero uno.

Intanto impazza il caos Maxi Lopez-Wanda Nara-Icardi, quest’ultimo suo giocatore: “Dico, come a tutti i giovani, una cosa, stai con Zanetti, Milito, Samuel e Cambiasso, guarda come si diventa campioni a livello mondiale e come si dura tanto”.

Fonte: goal.com