Mazzarri promuove la sua Inter: “Terzo posto lontano ma la stagione è ottima”

MazzarriL’Inter vuole continuare nel suo momento positivo, che dura ormai da 6 giornate, e lancia la sfida per il quarto posto alla Fiorentina. Il tecnico nerazzurro, Walter Mazzarri, ha caricato la squadra in conferenza stampa alla vigilia della sfida contro l’Atalanta di Colantuono.

Il tecnico toscano non si fida degli orobici, e ricorda: “Le gare in Italia sono tutte difficili, dobbiamo lavorare soltanto su noi stessi. E soprattutto bisogna continuare a giocare ogni partita al massimo. Spesso ci è mancata l’ultima scelta, arriviamo sotto porta e sbagliamo il passaggio decisivo. In settimana abbiamo lavorato su questo”.

Quindi Mazzarri sottolinea: “L’Atalanta è una bestia nera per l’Inter ma non solo. E’ una squadra che secondo me si esprime meglio fuori casa che nel proprio stadio”.

Il sogno terzo posto sembra svanito, il tecnico nerazzurro ammette: “Siamo partiti bene, poi abbiamo lasciato dei punti per strada per diversi motivi. Abbiamo del rammarico, avremmo meritato almeno quattro-sei punti più, però in un’annata così il cammino della squadra va considerato comunque ottimo. Forse se Fiorentina e Napoli fossero andate avanti in Europa sarebbe stato un vantaggio ma dobbiamo pensare solo a noi stessi. Manca ancora tanto in campionato e si parla già di mercato e di questa estate. Come finiremo quest’anno sarà importante per il prossimo e pre avvicinarci alle squadre che sono sopra di noi”.

Mazzarri poi spiega meglio il suo pensiero: “In una squadra ci può essere un progetto tattico interessante ma non dimentichiamoci che gli interpreti sono i giocatori. E’ importante che chi ha la possibilità di giocare dall’inizio faccia bene così da poter giocare anche la gara successiva“. I precedenti con l’arbitro Giacomelli non sono fortunatissimi per l’Inter, il tecnico però fa buon viso a cattivo gioco: “Mi auguro che stavolta vada diversamente, i direttori di gara devono sforzarsi e applicare il regolamento”.

Mazzarri quindi si sofferma sull’esplosione del brasiliano Jonathan: “Ha delle caratteristiche importanti, probabilmente gli mancava qualcosa che potevo e dovevo capire allenandolo. Credo che la mia Inter sia la squadra che sfrutta meglio le fasce in tutto il campionato. Nagatomo? Ieri ha fatto il primo allenamento in squadra, spero di poterlo convocare per domani”.

Fonte: goal.com