Mazzarri: ”Milito può essere titolare, a Gasperini dico che l’onore dell’Inter…”

Come di consueto l’allenatore dell’Inter Walter Mazzarri ha incontrato i giornalisti prima del match di campionato contro il Genoa in conferenza stampa, queste le sue parole: “Sin ora abbiamo avuto un percorso lineare, abbiamo perso poche partite e forse pareggiate un po troppe, ci mancano quei sei punti famosi che ci avrebbero fatto dire che il campionato ad oggi sarebbe ottimo, quello che però mi interessa maggiormente sono le prestazioni quest’anno. Milito sta molto meglio, devo capire se è conveniente lanciarlo già domani dall’inizio o inserirlo a partita in corso, probabilmente giocheremo con un modulo differente rispetto a quello col Chievo per poi magari tornarci allo stesso durante lo svolgimento della gara, la squadra sta meglio rispetto a un paio di settimane fa. alcuni ragazzi hanno riacquisto brillantezza, domani non sarà facile perché il Genoa ha un ottima rosa e ci metterà come le altre la camicia addosso come si suol dire, anche il clima in quello stadio sarà ostile per noi ma vogliamo tornare a vincere. Non abbiamo mai rinunciato al terzo posto ne mai creduto di poterlo raggiungere, mi devo ripetere nel dire che il nostro obiettivo è giocare ogni gara per vincere e non ci eravamo posti alcun traguardo l’estate scorsa se non quella di valorizzare al massimo la nostra rosa, ai miei ragazzi anche stavolta ho detto andiamo a Genova a fare il nostro calcio, questa è la mentalità che voglio inculcare a loro e quello che una società come la nostra deve avere, detto questo io non mi arrendo di certo e voglio raggiungere il massimo risultato possibile sempre. Non voglio rispendere a Gasperini quello che posso dire è che le vittorie dell’Inter sono sotto gli occhi di tutti, quando non ero qui vedevo un squadra straordinaria dominare in Italia e fuori, credo che la storia e l’onore nerazzurro sia indiscutibile. I segni che gli ultimi episodi hanno lasciato sui ragazzi è umano che ci siano, nelle ultime partite ci è stato tolto qualcosa che meritavamo ed è ovvio non accertarlo quello che vorrei è che ora trasformino il rammarico in rabbia per andare a prenderci quello che ci è stato tolto. Kovacic sta crescendo, vorrei che le sue giocate siano funzionali a tutta alla squadra, sta migliorando molto anche nella fase passiva ed ora penso possa anche giocare nel ruolo di mediano, devo capire quanto in quella posizione di campo la squadra riesca a supportarlo, lui sta lavorando molto e per la sua età è certamente uno che assimila tantissimo ed in fretta. In ottica futura mi piace certamente avere tanti giocatori tecnici in mezzo al campo, se una squadra riesce ad avere il possesso della palla per 70 minuti è logico che la difesa poi subisca meno in quando gli avversari non hanno la sfera in controllo, io cerco di far rendere al meglio quello che ho a disposizione, se sarà possibile costruiremo una squadra quanto più tecnica possibile nei prossimi anni”. 

Fonte: europacalcio.it