Mazzarri: “Milito convocato. Kuzmanovic titolare? E’ uno dei dubbi. Kovacic sta crescendo…”

Inizia puntuale come sempre la conferenza pre-match del mister Mazzarri, domani infatti si giocherà all’Olimpico Lazio-Inter, gara valida per la 18a giornata della serie A.

Tra le prime domande poste al Mister c’è quella inerente la condizione fisica del Principe Milito, a cui Mazzarri risponde dicendo che anche se non è ancora al 100%, è un giocatore che può comunque dar tanto alla squadra, e sarà sicuramente tra i convocati di domani.

Sul cambio allenatore in casa Lazio, risponde dicendo che a noi nerazzurri  questo cambio,non è una cosa che giova molto, in quanto prima del cambio allenatore la Lazio era chiaramente una squadra in difficoltà.

Per quanto riguarda Maurito Icardi, Mazzarri dice che non sa ancora se sarà nella lista dei giocatori convocati, si stava allenando con il gruppo, ma ora è influenzato ed ha la febbre, piccolo incidente di percorso, sulla possibile convocazione si deciderà domani, una volta che il medico si sarà accertato delle sue condizioni.

Non ci sarà differenza nella scelta dei convocati, tra chi si è allenato due giorni in più e chi due giorni in meno, Mazzarri spiega che una sua caratteristica di allenatore è quella di contare molto su quanto dimostrano i giocatori in allenamento, e sulle loro motivazioni.

Si parla poi di bilanci, 17 partite giocate, 31 punti conquistati, a chi gli chiede se ci sono obiettivi differenti rispetto all’inizio di campionato, e se c’è la speranza che si possa ottenere un po’ di più di un terzo posto, egli risponde che la speranza è che l’Inter giochi così come ha fatto fin ora, e che ovviamente il desiderio di poter ottenere sempre di più c’è, ma che bisogna rimanere con i piedi per terra, e cercare di crescere e far meglio partita dopo partita.

La domanda su D’Ambrosio, così come quelle sul mercato vengono schivate.

Kuzmanovic è ancora un punto interrogativo nella lista dei convocati.

Ciò che Marrazzi vorrebbe si vedesse nella partita di domani è un calcio propositivo, ma non sperimenterà più di tanto, l’obiettivo è fare gol, farne tanti, ma bisogna evitare di prenderne.

La conferenza si conclude con tante parole belle per Mateo Kovacic, ogni volta che prende la palla è entusiasmante, sta crescendo tanto ed il Mister è convinto che sarà uno dei giocatori fondamentali in questo girone di ritorno.