Mazzarri esalta Zanetti ed ammette: “Javier è bionico, noi oggi poco brillanti”

Non è stata una prestazione sensazionale, l’Inter però è riuscita a superare per 2-0 il Livorno ed ha messo in cascina tre punti importanti che le consentono di tenere la scia delle primissime.

Walter Mazzarri, intervistato ai microfoni di Sky, prima di commentare la partita ha parlato del rientro di Zanetti: “Non vorrei fare delle sviolinate ma Zanetti ha qualcosa di speciale. E’ un campione, è bionico, è tornato alla sua età dopo un infortunio del genere e negli ultimi minuti di gara, quando l’Inter stava soffrendo, è entrato in campo ed ha dato tanta tranquillità a tutti”.

La gara con il Livorno potrebbe essere coincisa con l’ultima di Moratti da presidente: “Lui è sempre presente, sta vicino alla squadra ed anche prima del match ha parlato ai ragazzi per caricarli“.

Sulla prova dell’Inter ha spiegato: “Oggi non siamo stati brillanti, il Livorno ci ha messo in difficoltà e dobbiamo fargli i complimenti. La loro è una squadra ben preparata fisicamente, oggi stavano meglio di noi e sono bravi a chiudersi e ad andare negli spazi. Mi aspettavo qualcosa di meglio dopo le prove contro Verona ed Udinese ma c’è da dire che nel primo tempo abbiamo dominato e comunque non abbiamo subito un tiro“.

Domenica sera c’è Juventus-Napoli: “Non guardo mai le partite dei nostri avversari, sono concentrato sulla mia squadra. Voglio far crescere questi ragazzi che dal canto loro devono prendere esempio da Zanetti, uno che è entrato e in 10′ ha fatto la differenza. Kovacic? Può essere più concreto ma è molto giovane e per questo ogni tanto si perde. Migliorerà col tempo“.

Mazzarri è comunque soddisfatto dell’atteggiamento della sua Inter: “Non abbiamo creato occasioni limpide ma si vedeva che bastava un loro errore per segnare e la cosa mi piace. Prima delle Nazionali pachiamo sempre qualcosa“.

Fonte: goal.com