Mazzarri avrà Vucinic. Benzema costa troppo

Vucinic
Vucinic

Benzema e Inter. Un’idea di calciomercato che Tuttosport ha lanciato per casa-Inter. Un’idea di Erick Thohir, per capire meglio: due settimane fa, a Madrid accanto a Florentino Perez e con i rispettivi diesse (Ausilio e Pardeza), a margine dei discorsi istituzionali, il club nerazzurro ha cercato di capire i margini di trattativa per Alvaro Morata (minimi) e preso a prestito il contratto in scadenza di Benzema, nel 2015, per capre se ci sono margini per arrivare al francese, senza svuotare le casse societarie.

Ai primi rilievi, è una trattativa molto difficile, se non (quasi) impossibile. Un po’ per l’ingaggio di Benzema (5 milioni), un po’ per la valorizzazione del francese in questa stagione con Ancelotti, 24 gol, pressoché titolare fisso, uomo cardine nella manovra d’attacco per il raccordo del gioco con Ronaldo e Bale. Come pretendere Benzema?
Ci si può lavorare, ma un segnale che ne deriva è questo: Walter Mazzarri per la prosima stagione (ci sarà ancora lui? Ci sarà, è questa la risposta al momento) vuole un centravanti così, di manovra e di fantasia e capace di fare gol.

Lo voleva già a gennaio, e per questo l’Inter si era buttata su Vucinic e aveva preso lo juventino, salvo poi far cadere tutto per via di Guarin e dei tifosi. E per questo, Vucinic è ancora nei piani interisti per la prossima stagione, è lui l’uomo d’ordine per il gioco d’attacco che Mazzarri vuole e che probabilmente avrà. La Juventus che cambia agevolerà la trattativa.

Quanto alle grandi firme d’attacco da prelevare all’estero, a parte casa-Madrid restano Dzeko dal Manchester City (difficilissimo) e Torres da casa-Mourinho, ma senza illusioni che possa arrivare il primo, e senza fantasticare troppo sullo spagnolo in fase calante da due anni e passa e col forte dubbio che prenderlo sarebbe un rischio.

Fonte: sportmediaset.mediaset.it