Materazzi da Thohir: via gli argentini

Thohir torna in Italia giovedì e disegna un’altra Inter: via gli argentini, idea Materazzi. La Repubblica fa il punto sul futuro dei nerazzurri. L’ultima partita di campionato il 18 maggio a Verona col Chievo sarà la partita d’addio per i giocatori in scadenza di contratto a giugno: Zanetti, Cambiasso, Milito, Samuel e Chivu oltre a Castellazzi, Mariga e Mudingayi.

MONTE STIPENDI – In questo modo verranno risparmiati 35 milioni e nella prossima stagione il monte ingaggi calerà da 85 a 75 milioni (nel 2010 anno del Triplete era di 180). In ogni caso il prossimo bilancio si chiuderà ancora con un passivo di 80 milioni.

CAMPAGNA ACQUISTI – La strategia è di ingaggiare altri due giocatori a parametro zero dopo Vidic (Sagna su tutti) dalla Premier League inglese entro aprile per poi piazzare un paio di acquisti a giugno, ma autofinanziandosi con le cessioni: Ranocchia, Guarin, Handanovic e Taider hanno mercato. Poi verranno richiamati i giovani più interessanti: Bardi, Mbaye, Benassi e Duncan del Livorno su tutti, ma non solo loro. In panchina su Mazzarri si allunga l’ombra dell’olandese de Boer.

MATERAZZI – Mentre si guarda a nuove realtà (l’India è la prossima tappa del marketing) si pensa anche a valorizzare le ‘leggende’ del club. A questo proposito Materazzi può rientrare nei giochi: Thohir è attentissimo al fatto che certi giocatori, da soli, siano un marchio e Materazzi lo è senz’altro per i suoi trascorsi interisti o per la testata ricevuta da Zidane nella finale mondiale 2006 a Berlino. Per ora non c’è nulla di definito, ma nei prossimi mesi potrebbero esserci novità.

ZANETTI – Da definire anche il ruolo di capitan Zanetti, passato in pochi mesi dall’ipotesi concreta di una vicepresidenza con Moratti alla totale incertezza sul proprio futuro, visto che Thohir pretende dirigenti già formati e non di pura rappresentanza.

Fonte: calciomercato.com