Mancini: “Siamo da scudetto”

Si chiude con un altro ko, stavolta contro il Real Madrid, la tournée cinese dell’Inter, sconfitta 1-0 dai blancos. “A parte il risultato, di cui non siamo contenti, sono comunque soddisfatto della prestazione del primo tempo – diceRoberto Mancini dopo la gara -. Abbiamo giocato contro una delle squadre più forti del mondo. Jovetic? E’ un attaccante diverso da Icardi e Palacio e sarà una pedina importante per noi”.

Nessun dramma, dunque, per le tre sconfitte con Bayern, Milan e Real. Mancini si fida della squadra ed è convinto che possa essere protagonista di un’ottima stagione: “E’ ovvio che i risultati non sono positivi, ma la cosa principale è vedere la prestazione e in ogni gara siamo migliorati come squadra. Nessun gol? Non sono preoccupato, perché sono sicuro che quando conterà, l’Inter ci sarà. Sono certo del nostro futuro e del campionato, noi abbiamo giocatori che possono giocare per il titolo”.

RANOCCHIA: “VISTE BUONE COSE”
Anche il capitano nerazzurro, Ranocchia, vede il bicchiere mezzo pieno: “Il Real è molto forte, in questa fase gli errori capitano, i risultati contano meno a luglio ma l’Inter deve sempre vincere. Al di là dei risultati negativi abbiamo visto anche buone cose. Questo periodo ci deve servire solo a lavorare. Adesso andiamo a Brunico e faremo tanti doppi allenamenti, serviranno per crescere anche come condizione”.

HANDANOVIC: “SERVONO GLI ATTRIBUTI”
Decisamente più dura è invece l’analisi di Handanovic: “Il mio lavoro è parare e ho limitato il più possibile, ma dobbiamo diventare più cattivi. Loro sono più bravi di noi ma servono gli attributi. La tournée serve per confrontarsi con chi è più forte, lì vedi cosa ti manca e dove devi ancora migliorare. Abbiamo fatto sempre doppio allenamento, ci siamo allenati bene ma adesso dobbiamo crescere e iniziare a vincere qualche partita”.