Mancini: ”Possiamo raggiungere la Roma…”

Conferenza stampa di presentazione della sfida con il Palermo di domani sera a SanSiro. Tre gli argomenti affrontati dal tecnico: lavorare per raggiungere la Roma, la condizione di Kondogbia dopo l’infortunio e il momento di Icardi.

Nel posticipo la truppa di Mancini affronterà un Palermo un po’ in difficoltà ma pur sempre pericoloso. sarà una gara estremamente importante per la squadra nerazzurra, in cui si capirà se il periodo negativo può essere considerato ormai in archivio dopo i 120′ contro la Juventus in Coppa Italia.

Già mercoledì ci sono stati segnali positivi dopo la gara contro la Juventus: ”Nei primi mesi abbiamo pensato di aver raggiunto qualcosa, poi è arrivato il calo. In una situazione come la nostra ci può stare, abbiamo avuto della sfortuna perdendo dei punti in modo particolare. Ma non c’è alcun rammarico, siamo ancora in corsa. Non siamo andati in finale e ci dispiace. A volte ci sono delle partite che fanno capire che si può fare un qualcosa di difficile.

L’obiettivo è provare a raggiungere la Roma che sembra la squadra più in forma di questo periodo:”Torneremmo a cinque punti vincendo domani, poi ci sarà lo scontro diretto. I giallorossi hanno diversi scontri diretti, dipenderà da noi”.

a partire da domani, contro il Palermo, in cui dovrebbero rivedersi sia Kondogbia, che ha recuperato dall’infortunio, sia su Perisic che sembra in un ottimo momento di forma:”Kondogbia è a disposizione, sta bene può sicuramente giocare domani. Perisic ha sempre giocato nel ruolo di mercoledì sera, a parte l’inizio quando l’ho schierato come mezza punta nel rombo. Lui, al pari di Kondogbia, e Brozovic l’anno scorso, aveva bisogno di tempo per ambientarsi”.

L’ultima battuta su Icardi e sulla probabile formazione:”Non è mai facile fare il capitano, ancor di più all’Inter. Non è mai facile crescere in pochi mesi, e la fascia serve proprio per questo. Fare il capitano in nerazzurro vuol dire tanto. Ci sono 5-6 giocatori da valutare, Eder è da valutare perché è un po’ stanco”.

FONTEeuropacalcio.it