Mancini ottimizza l’Inter: rotazioni mirate e una conferma

L’Inter, non è un mistero, ha costruito il suo primato anche grazie alla sua difesa, reparto, tra l’altro, che Mancini ha cementato, a differenza degli altri settori del campo, con tre intoccabili:  Miranda, Murillo e Handanovic.

Detto che il portiere non sa nemmeno cosa sia la parola rotazione (se non in Coppa), ecco che il brasiliano e il colombiano lo sanno ma perché uno o l’altro hanno dovuto piegarsi o a un infortunio o a una squalifica. Fino a questo momento, Miranda ha giocato 13 partite saltando derby e Chievo (per il k.o. al ginocchio con la propria nazionale) e per squalifica (espulsione contro la Fiorentina) il match contro la Samp. Mentre Handa ha fatto sedici su sedici, ecco Jeison Murillo: tredici partite anche per lui, una (Bologna-Inter) saltata per il rosso preso a Palermo e le altre due non giocate contro il Verona e la Fiorentina per l’elongazione dell’adduttore destro.