Mancini non molla, chiama Thohir e ribadisce: vuole Perisic a tutti i costi. Tycoon pronto a…

Una volta perfezionata la cessione di Shaqiri allo Stoke City, Roberto Mancini non sente storie, vuole come nuovo arrivo quello del croato Ivan Perisic dal Wolfsburg (con il quale c’è da tempo l’accordo per un contratto a quasi 3 milioni di euro l’anno).

Per questo motivo, secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, il tecnico dell’Inter ha intenzione di chiamare il suo patron Thohir, storicamente restio ad intervenire nelle questioni di calciomercato, per convincerlo a muoversi in tempi brevi per sbloccare l’affare.

Klaus Allofs, direttore sportivo dei Lupi, nella giornata di martedì ha infatti chiuso le porte ad una possibile cessione del giocatore, affermando testualmente… “L’Inter è interessata ma non se lo può permettere. Non combacia nulla tra la domanda nostra e della dirigenza e l’offerta del club nerazzurro”.

L’Inter continua ad insistere per il prestito oneroso a 5 milioni con l’obbligo di riscatto fissato a 12, i tedeschi vogliono subito 17 milioni di euro più 3 di bonus. Un’apertura teutonica potrebbe esserci solamente nel momento in cui dovesse concretizzarsi l’onerosa cessione di De Bruyne al Manchester City.

Come alternative al croato continuano ad essere monitorati Perotti del Genoa, Mertens del Napoli (ai partenopei continua ad interessare Juan Jesus come difensore centrale) e, come riportato da Goal nella giornata di martedì, anche Ljajic (alla Roma piace Ranocchia). Meno plausibile, anche se comunque percorribile, la pista che porta a Fabio Borini del Liverpool, sul quale c’è anche l’interesse di Lazio e Fiorentina.

A centrocampo non è stata del tutto abbandonata la pista Felipe Melo. Secondo quanto riportato dal Corriere dello Sport potrebbe inoltre tornare in voga anche il nome del brasiliano del Liverpool Lucas Leiva, che i Reds potrebbero decidere di cedere anche con la formula del prestito con diritto di riscatto.