Mancini non ha paura: “Siamo l’Inter, dobbiamo partire pensando allo Scudetto”

Due mesi di amichevoli deludenti. Appunto, solo amichevoli. Ora però l’Inter di Roberto Mancini non può sbagliare, urge una risposta. Parte il campionato di Serie A, parte l’avventura nerazzurra nell’annata 2015/2016: domenica la compagine meneghina se la vedrà contro l’Atalanta, tra le mura amiche di San Siro.

Non è ancora l’Inter completa, visto e considerando come Mancini abbia chiesto alla società almeno un giocatore offensivo: si continua a palare di Perisic, ma rimane aperta anche la pista che porta al genoano Perotti. Una settimana al termine del calciomercato, doppio pensiero per l’ex mister del City.

“Scudetto? A inizio campionato tutti partono pensando al massimo traguardo. Noi siamo consapevoli delle nostre qualità, lotteremo. In questo momento tutti possono dire di poter raggiungere quell’obiettivo, noi siamo l’Inter e dobbiamo partire con questo nel mirino”. Le prime dichiarazioni di Mancini in conferenza stampa sono subito un grido di battaglia: per il primo posto ci sono anche i nerazzurri.

Parte la Serie A, ma il calciomercato si chiuderà solamente dopo la seconda giornata di campionato: “Una rottura di scatole, ma le regole sono queste. Ai media piace fare tanti nomi, è il loro lavoro. Va bene così La società sta lavorando, vedremo cosa si farà. Perisic? Non saprei, devo parlare con Ausilio. Il nostro pensiero è all’Atalanta, poi sarà al Carpi”.