Mancini lancia Shaqiri “Non gli serve riposare” E su Icardi e il mercato “Poi chi segna 20 gol?”

Dopo il passaggio del turno in Europa League, ostacolo Fiorentina per l’Inter, a caccia della quarta vittoria consecutiva in campionato. E Roberto Mancini punta ancora forte su Shaqiri dopo il match col Celtic: “Non gli serve riposare, i giocatori giovani possono recuperare in fretta“. “Thohir è più sereno dopo le ultime vittorie”, ha aggiunto. Infine una stoccata a Podolski: “Adesso è arrivato il momento che faccia anche gol”

LA CONFERENZA DI MANCINI

Miglioramenti nel complesso e nei singoli, da chi ti aspetti di più?
“E’ una partita particolare, arriva da un ciclo serrato. Speriamo che la squadra arrivi bene fisicamente. Spero che la squadra migliori, ma è normale che dobbiamo far andar bene le cose che ancora sbagliamo”.

Shaqiri gioca dall’inizio?
“Potrebbe giocare perché ha riposato a Cagliari. Sono giocatori giovani e possono recuperare in fretta”

Cosa le piace di Montella?
“Sono contento che stia facendo bene. Fa giocare bene la Fiorentina, è giovane e sono contento per lui”.

Thohir sorridente, state programmando il futuro?
“Con un paio di vittorie siamo tutti più tranquilli. Stiamo parlando, ci siamo visit. Per il futuro dobbiamo vedere”.

FFP e i timori dell’Inter
“Non so, non saprei..:”

Secondo Ferri questa Inter è un po’ lenta nell’avvio della manovra e con i centrali
“Quando parlo di cose che non vanno bene, mi riferisco proprio a queste cose. Giocare la palla con maggiore velocità e non perderla. Per quanto riguarda i centrali difensivi, devono avere il coraggio di giocare uno contro uno e devono essere più furbi degli attaccanti. Devono cercare di capire prima quello che succederà. Se miglioreremo in questo meccanismo, sarà un grande vantaggio”. “Diffcilmente non si incontra una squadra che non ti mette in difficoltà. Varrà anche per la Fiorentina che ha giocatori tecnici che giocano bene e in velocità”.

Montella-Mancini, sfida del calcio-offensivo?
“Spero che i giocatori giochino bene. Alla fine vedere due squadre che giocano bene è una cosa bella”

La Fiorentina gioca il migliro calcio in Serie A?
“Non saprei, ma giocano molto bene. Credo però che Juventus, Roma e Napoli siano le migliori. Noi? Abbiamo bisogno di altro tempo”.

Situazione Parma
“Per quello che riguarda Parma, so cosa si prova. Ammiro Donadoni e i giocatori. E’ una situazione complicata perché non si capisce cosa potrà accadere. Penso che ora sia un campionato con delle leggere problematiche con una squadra che non gioca. Nel 2015 in Italia non dovrebbe succedere”.

Qualcosa che ha imparato da Montella?
“Lui ha fatto un sacco di gol perché glieli ho fatti fare io (ride, ndr). Però sapeva fare molto bene sottoporta. Da ogni allenatore si impara qualcosa, soprattutto dai più giovani”.

Più difficile sostituire un attaccante o un portiere nel mercato?
“E’ diffile dirlo. Dipende dalle situazioni. Vediamo cosa si potrà fare e quello che il mercato presenterà in futuro. Se dobbiamo vendere qualcosa, potremmo vendere le sedie…  In generale se c’è un attaccante che fa 20 gol all’anno, se lo perdi è un problema. Ma non è sempre così. A volte un attaccante importante può portarti dei soldi che ti consentono di migliorare la squadra comprando altri 2/3 giocatori. Per vincere però servono attaccanti che fanno gol e poi devi cercarne un altro da 20 reti a stagione…”.

Fiorentina e Inter meglio davanti che dietro?
“Loro in realtà si sono assestati. Hanno una mentalità offensiva, ma ormai hanno giocatori di qualità anche dietro”.

Montella pronto per una big come il Milan?
“Non lo so. Lui ha esperienza per farlo, però penso che un allenatore giovane deve pensare bene a dove andare. Per impostare bene il lavoro e agire con tranquillità. Però credo che sia in grado di allenare qualsiasi squadra”.

Il rendimento di Santon
“Adesso credo che sia stanco, non avendo giocato per dieci mesi. E’ rientrato negli utlimi due mesi, ha giocato pochissime volte, però si è sempre allenato. Siamo felici perché sta facendo bene. E’ cresciuto qui ed è tornato e la cosa è ancora più bella”

Europa League obiettivo principale?
“Sarebbe meglio aspettare, poi è chiaro che andando avanti, magari lontano dalle prime, potremmo puntare sulla coppa. Ma ora è presto”.

Kovacic e Podolski
“Non deve scalare alcuna gerarchia per quanto mi riguarda. E’ uno dei miei preferiti. Deve solo pensare a giocare come ha fatto a Cagliari. Per quanto riguarda Podolski, spero che ora inizia  segnare”.

Guarin in ottima forma
“E’ un pezzo che è maturato. Ha 28 anni. Non so per quali motivi gli altri anni è andato a corrente alternata. Come tutti, non può giocare sempre bene. Ma spero che continu a a fare prestazioni positive e a segnare. Lui ora ha trovato più tranquillità in questo momento”.

Wolfsburg felice di aver pescato l’Inter
“Spero che prendano la partita con noi sottogamba. Non hanno alcun vantaggio. Sarà un turno difficile, ma abbiamo le stesse possibilità di passare”.

Come stanno Palacio e Vidic?
“Decideremo tutto domani mattina. C’è tempo per decidere, comunque stanno tutti abbastanza bene”.

FONTEsportmediaset.mediaset.it