Mancini chiama F. Melo: ”In mezzo al campo serve personalità, lui ce l’ha”. E ora basterebbero solo pochi milioni

Uno o due terzini, uno o due attaccanti (per lo più che sappiano agire da esterni) e poi un centrocampista centrale. Queste le necessità evidenziate da Roberto Mancini e che ancora devono essere colmate dalla dirigenza nerazzurra. E nel post-match di Ancona, dopo il pessimo 0-0 contro i greci dell’AEK Atene, il tecnico interista ha detto chiaro e tondo: “A questa squadra manca un giocatore di personalità in mezzo al campo e Felipe Melo è un centrocampista che possiede questa caratteristica. Vediamo cosa succederà nei prossimi giorni”.

Insomma, il Mancio non molla il suo pupillo già allenato in Turchia e spinge per portarlo a Milano, al di là del rinnovo appena siglato dal brasiliano con il Galatasaray.

“Il giocatore verrebbe ancora volentieri, semmai bisogna risedersi con il Galatasaray per trattare la cifra del cartellino (pochi milioni, comunque) – sottolinea la Gazzetta dello Sport –. Alternative in quel ruolo non ce ne sono molte in giro. Il PSG non lascia andareThiago Motta e Lucas Leiva, offerto all’Inter, non raccoglie i favori di tutti”. Work in progress.