Mancini avvisa l’Inter: “Dovevamo chiuderla prima”

Roberto Mancini può sorridere per il 2-1, anche se ha bacchettato la squadra: “Fa piacere essere in testa, ma dovevamo chiuderla prima, perché poi, come è successo, queste situazioni possono crearsi”, ha detto Premium Sport. “Jovetic? Lo abbiamo preso per fare assist e gol: non è ancora al massimo della condizione, a livello di gioco può migliorare ancora. Anche la squadra deve migliorare moltissimo: il Carpi ha lottato”.

Troppi errori sul gol del Carpi: “La fase difensiva? Il gol è venuto fuori da un tiro che è finito in mezzo all’area ed è diventato un cross, ma la difesa è andata bene. Qualche situazione puoi concedergliela, è normale e quindi ci sta. Siamo stati bravi a rivoler far gol, ma la prossima volta dobbiamo fare meglio per chiuderla prima”.

E sul mercato, Mancini ha proseguito: “Eder? È un giocatore della Sampdoria: sono contento che abbia fatto bene per la Samp e per Zenga. Hernanes cedibile? Per noi è molto importante, in queste partite non stava benissimo, ma anche oggi, quando è entrato, ha fatto la differenza. È una favola quella che dice che mi faccio sempre comprare i giocatori che voglio. Medel? Io lo amo, per il cuore che mette: se fossero tutti così. 25 Medel? Facciamo 24 Medel e 1 Messi. Icardi? Penso che giocherà il derby”.