Mancini: “Ecco 5 titolari. Calleri di livello. Brozo migliora. A gennaio…”

Alla vigilia della partita contro la Lazio, l’ultima del 2015, Roberto Mancini parla dalla sala stampa della Pinetina.

FESTA E CONCENTRAZIONE – “Settimana di Natale, quindi ci stava anche questa euforia, speriamo di non aver perso concentrazione. Lazio squadra di valori importanti. Favoriti? io penso sempre che le prime tre squadre saranno Napoli, Juventus, Fiorentina o Roma”

INTER 500, JUVE? – “Quale è la macchina più grande? una Mercedes, una station wagon. Noi domani giochiamo alle 21, finiremo a mezzanotte, quindi partiranno il giorno dopo per le vacanze. Scudetto? penso che quando hai una squadra forte vincere non è mai semplice. Non è un problema che ci poniamo ora, noi abbiamo un altro obiettivo, poi vedremo”

IMPATTO SULLA GARA – “una squadra vuole sempre essere aggressiva dall’inizio, la Lazio però è una squadra che può riprendere in qualsiasi momento, dovremo stare attenti”

MIA INTER? – “dobbiamo migliorare molto ancora. Certo è che meglio iniziare una stagione rispetto ad entrare in corsa. Avere il vantaggio di entrare in corsa è che puoi studiare meglio la rosa e preparare al meglio la stagione successiva. Essere undicesimi non è una posizine da Inter, nemmeno in momenti di difficoltà. L’Inter in difficoltà dovrebbe comunque esser quinta…non troppo indietro”

VINCERE – “per raggiungere obiettivi importanti tutte le componenti, club, giocatori, tifosi, debbano essere in armonia. Solo in questo modo si possono affrontare i momenti di difficoltà. La Juventus? ha fatto una serie di vittorie importanti che le hanno permesso di tornare nel gruppo di testa, in passato invece ha sempre vinto con distacchi importanti. I giocatori sono tornati in sintonia, per questo è tornata”

SODDISFAIZONE E DELUSIONE – “Soddisfazione per il lavoro fatto in quest’anno esser risaliti cosi in fretta. Delusione? l’infortunio al menisco di ieri. Mercato? al momento nessun cambio”

ITALIANI IN ROSA – “è da un pò di ann che è così. C’era qualche italiano ma non so. Ci sono giocatori che sono in Italia da diversi anni, non hanno avuto difficoltà di inserimento . Difficile che ci sia oggi una formazione di soli italiani”

NAGATOMO – “ci troviamo benissimo con lui, un grande professionista, sempre allegro anche quando non gioca e pronto quando lo chiamiamo in campo. Se lui vuole rimanere non credo ci siano problemi. Adesso andrà via? ora andrà in vacanza. Fino a giugno resterà qui”

BROZOVIC – “mercato di gennaio? se non avremo richieste di andar via non credo faremo molto. Brozovic è un giocatore giovane e come tutti i giovani hanno bisogno di tempo. Inizia a diventare bravo, ha qualità, corre tantissimo, inizia a fare gol. E’ giovane può alternare qualche partita ed è capace di entrare in partita e cambiare l’andamento”

PROSSIME CINQUE GARE – “pensiamo a domani, il ritorno sarà impegnativo, tante gare importanti fuori casa. Bisogna comunque aspettare domani, poi la sosta…”

TIFOSI – “servono tantissimo, al Meazza si sente molto, servono a tutte le squadre”

ALLENATORI TOP – “quanto tempo ho per rispondere? non è semplice per me, Sacchi sicuramente ha cambiato il calcio, il Trap anche. Lippi, Ancelotti tutti ottimi allenatori, i migliori negli ultimi 40anni. Chi in un modo chi nell’altro mi hanno lasciato tanto”

MERCATO IN USCITA – “nessuno mi ha mai chiesto di andar via al momento. Mourinho? se fai l’allenatore devi mettere in preventivo questa cosa. Fa parte del nostro lavoro putroppo. Cose che capitano, indipendentemente da bagaglio che uno ha dietro”

TITOLARI – “Miranda, Handanovic, Murillo, Medel…ne dico quattro, gli altri non li so. La Lazio è una squadra forte, competitiva, non rispecchia il valore attuale…il quinto? Brozovic”

ULTIMO MERCATO – “Quando si fa mercato non è sempre semplice arrivare a prendere chi si vuole. Ljajic era un giocatore con il quale si parlava da maggio, sono contento perchè si è ambientato bene, stagione ancora lunga. Calleri? giocatore diverso, gioca nel Boca, squadra di livello, importante. Ma tutti hanno bisogno di ambientarsi, giocare nel Boca è come giocare nell’Inter, nella Juve”

CHI LEVO ALLA LAZIO – “Biglia, Candreva, Andresonn, sono giocatori che fanno la differenza. E’ giusto che giochino tutti, avere in campo giocatori che giocano bene è importnate”