Lopez replica a Mazzarri: “Ma se Juan Jesus andava espulso…”

Se Mazzarri si lamenta per un presunto rigore su Icardi nel finale del match pareggiato contro il Cagliari, il tecnico dei rossoblù Lopez replica con un mancato rosso a Juan Jesus.

Ancora uno stop per l’Inter, che ieri pomeriggio non è andata oltre l’1-1 contro il Cagliari a San Siro. Una partita decisa dal calcio di rigore trasformato da Pinilla e da un goal di Rolando. A fine gara, però, il tecnico dei nerazzurri Walter Mazzarri, che qualche tempo fa aveva fatto voto di non parlare più degli arbitraggi, questa volta non ha resistito e ha sbottato nei confronti della direzione di gara dell’arbitro Russo.

Se riguardo al rigore a favore del Cagliari Mazzarri non commenta, il tecnico nerazzurro recrimina senza mezzi termini su un presunto penalty non concesso all’Inter nel finale di gara. “La spinta di Astori su Icardi? Come faccio a dire che non è rigore? E’ troppo clamoroso…“, ha commentato a fine gara Mazzarri. Ma alle recriminazioni del mister interista, replica il tecnico del Cagliari Diego Lopez, che dal canto suo lamenta invece un mancato rosso per Juan Jesus che aveva causato il rigore a favore del Cagliari nel primo tempo… “Il rigore c’era (fallo di mano in area nerazzurra) e lui andava ammonito. E visto che aveva già rimediato un giallo, andava anche espulso“. Come dire, un torto arbitrale a testa, pari e patta.

Un pareggio importante per Lopez, che rinsalda così la sua panchina… “Ho ritrovato il mio Cagliari – ha detto il tecnico del Cagliari – Non avevo dubbi che avremmo fatto una partita del genere, i giocatori avevano lavorato molto bene durante la settimana. Ci dovevamo riscattare dopo il Livorno e l’abbiamo fatto“. E a supporto del tecnico ci sono anche le dichiarazioni dei suoi giocatori, che ad inizio settimana, alle prime avvisaglie dell’esonero, poi rientrato, del mister avevano fatto fuoco e fiamme.

Siamo un gruppo molto unito e tutti i discorsi extra calcistici non devono interessarci. Lavoriamo per il nostro allenatore, tentando di ripagare la sua fiducia“, ha affermato Pinilla. E sulla stessa lunghezza d’onda sono anche i compagni, come Ibarbo (“Siamo con Lopez , uno che ha giocato e sa come gestire la squadra e le partite“), Astori (“Eravamo in crisi di risultati non di identità, e siamo tutti con Lopez“) o Ekdal(“Siamo molto uniti e tutti con Lopez“).

Fonte: goal.com