Clamoroso: Il traditore è nello spogliatoio.

A differenza di chi si accapiglia per imputare la colpa ad uno, piuttosto che all’altro (Stramaccioni – Cassano), noi preferiamo porre l’accento su qualcosa di diverso, di cui nessuno ha voluto parlare, forse per evidenti interessi nascosti.

Partiamo dall’inizio, e cioè da ieri pomeriggio: Allenamento aperto ai giornalisti, tutti presenti al centro sportivo Angelo Moratti della pinetina – Sky, Mediaset, carta stampata, insomma, non mancava proprio nessuno, tutti gli organi di stampa presenti. Tutto si svolge secondo gli standard soliti, buona seduta di allenamento che termina come sempre in prima serata, bene. Arriviamo al dunque:

I giornalisti presenti pubblicano quello che hanno visto con i propri occhi, sembrano tutti d’accordo nel trasmettere al lettore che durante l’allenamento si è visto un Antonio Cassano in grande spolvero, addirittura motivato dal prossimo rinnovo di contratto che sembra ormai vicinissimo. Nessuno e sottolineiamo, NESSUNO, ha osato parlare di fatti diversi da quelli del calcio giocato.

Arriviamo a stamattina: Come per magia tutti pubblicano la notizia shock, ovvero che ieri tra Stramaccioni e Cassano sarebbero volate parole grosse, c’e’ chi parla addirittura di “mani addosso.” Sono diverse le dinamiche raccolte tra le varie testate ma si può notare come su nessuna di esse, venga fatta una ricostruzione precisa e dettagliata dei fatti, insomma articoli pieni di forse e di ma che lasciano chiaramente intendere l’assenza dei giornalisti sul luogo del misfatto.
Dunque cosa è accaduto? La notizia della lite Cassano – Stramaccioni era praticamente impossibile da raccogliere, nessun giornalista presente se la sarebbe fatta scappare se gli fosse capitata sotto gli occhi, perchè come si dice in gergo, avrebbe preso una “buca”, imperdonabile agli occhi di ogni editore.

Tutto si è svolto all’interno dello spogliatoio: Li è accaduto tutto, in quel luogo sacro per le confidenze di una squadra vera, laddove nulla dovrebbe trapelare. Il fatto si è svolto li e qualcuno prontamente, ha ritenuto opportuno espandere la notizia, magari a qualche penna amica.

Non è la prima volta: I più attenti ricorderanno quanto era accaduto con Benitez, il tecnico spagnolo, al suo arrivo, aveva fatto rimuovere dagli uffici della pinetina tutti i poster ritraenti Mourinho, nessun giornalista avrebbe potuto raccogliere tale notizia ne in tempo reale ne a distanza di tempo, eppure, tutti sapevano quanto accaduto all’interno delle quattro mura.
E’ evidente che nello spogliatoio nerazzurro ci sia qualche “bocca eccessivamente larga“, dovrebbe essere questa la vera notizia, dovrebbe essere questo a meritare le prime pagine dei giornali nazionali, ma ciò non può accadere per un semplice motivo: Nessun giornalista può remare contro la propria fonte, rischierebbe di non avere più nessuna esclusiva.  quindi viene messa in risalto una notizia che in realtà non è nulla di eclatante se messa a confronto con la realtà dei fatti, ovvero: C’e’ una spia nello spogliatoio dell’Inter

Chi paga?: Nel 2010 fu evidente che tali notizie furono fatte trapelare per remare contro Benitez, oggi non è ancora chiaro stabilire se tali “segreti di pulcinella” siano stati elargiti per far saltare la panchina di Stramaccioni o per togliere dallo spogliatoio un uomo scomodo come Cassano: Staremo a vedere.