L’Inter sentenzia con Perisic: “Juventus ti batto, non sei da Scudetto”

Ha chiuso con un goal alla Sampdoria, il primo in Italia, e ora vuole ripartire segnandone un altro alla Juventus, magari decisivo. Ivan Perisic è carico a mille dopo la qualificazione ad Euro 2016 con la Croazia, adesso la sua priorità è vincere con l’Inter.

“Sapevo che l’Italia avrebbe battuto la Norvegia – ha detto in un’intervista a ‘La Gazzetta dello Sport’ – noi e voi abbiamo meritato Euro 2016 più delle avversarie, ora potrò concentrarmi anima e corpo sull’Inter fino a maggio. Appena arrivato alla Pinetina, ho ringraziato Ranocchia e Santon”.

Perisic dovrà ringraziare anche gli azzurri della Juventus, ma dopo penserà a batterli: “Siamo secondi, giochiamo in casa e vogliamo vincere a tutti i costi. Vincendo poi faremmo un favore a tutte le rivali. Qui c’è molto più equilibrio, vedo 7-8 squadre in grado di andare sino in fondo”.

Ma di una cosa Perisic è sicuro: “La Juventus non vincerà lo Scudetto, anche se negli ultimi anni hanno dimostrato di essere i migliori. E’ vero che hanno preso diversi giocatori forti. Speriamo che abbiano bisogno di ancora un po’ di tempo per trovare il giusto assetto”.

L’Inter invece deve puntare al primato, è per questo che Perisic ha lasciato il Wolfsburg: “Avrei firmato per avere 16 punti dopo 7 giornate. Non certo per il terzo posto finale. E neanche per il secondo. Sono già arrivato secondo la stagione scorsa con il Wolfsburg. Ho lasciato la Germania anche perché avevo capito che sarebbe stato impossibile rivaleggiare con il Bayern”.

“L’Inter ha alzato la Champions 5 anni fa, è un club che ha fatto la storia – ha aggiunto – . E possiamo sfruttare il vantaggio di non fare le coppe, che toglieranno energie alle nostre concorrenti. Avere il tempo di allenarsi e conoscersi è fondamentale in un nuovo progetto. Meglio fare un anno senza Coppe e poi entrare in Champions che due anni in Europa League”.

E se Perisic non avesse fatto il calciatore? Non sarebbe stato un problema: “Credo che sarei diventato un top anche se avessi giocato a tennis, pallavolo o basket. Sono amico di Igor Omrcen, campione di volley che ha giocato diversi anni in Italia”.