Lega Calcio: Thohir e i presidenti incontrano Alfano

Debutto del presidente dell’Inter in assemblea. L’incontro col vicepremier Alfano. Galliani invece non ha incrociato Thohir

Erick Thohir è arrivato in Lega calcio, accolto dal saluto e dall’applauso di tutti i presidenti e dirigenti di serie A riuniti in assemblea. E’ arrivato ale 10.38, evitando i microfoni, accompagnato dal vicepresidente Angelomario Moratti e dal direttore generale Fassone. Una visita attesa, per completare la conoscenza del calcio italiano e di quella Serie A che, per il nuovo numero uno dell’Inter, ha grandi risorse e un grande futuro.

Oltre agli applausi, a Thohir sono arrivate anche le belle parole di Lotito e di Ghirardi (“E’ un bene che i grandi presidenti tornino in Lega”, ha detto il numero uno del Parma). In Lega calcio è arrivato anche Andrea Agnelli (con le stampelle, dopo l’infortunio occorsogli la scorsa settimana). Ma, un po’ a sorpresa, quando Thohir era nel salone della Lega, non si è visto Adriano Galliani. In Lega sono arrivati, per il Milan, Gandini e l’avvocato Cantamessa.
Poi alle 11,50, Thohir ha lasciato la Lega calcio, evitando -così come all’ingresso- le domande dei cronisti in attesa. Poco dopo, è arrivato Galliani.

LA VISITA DI ALFANO
”Sono qui con i presidenti di serie A per ribadire la linea dura contro violenti e criminali”: lo ha detto arrivando in Lega Calcio a Milano per
l’assemblea di serie A il vicepremier Angelino Alfano. ”Negli ultimi mesi abbiamo operato una bonifica facendo sì che violenti e criminali non fossero autorizzati a entrare, ora – ha annunciato Alfano prima di incontrare i presidenti di serie A insieme al presidente della Federcalcio Abete e al capo della polizia Pansa – dobbiamo lanciare la fase 2, cioé l’ammodernamento degli stadi e la costruzione di nuovi stadi sul modello di Brighton, dove trascorrere la giornata in famiglia, idonei anche ad ospitare manifestazioni culturali di altro
genere”.
”Per farlo bisogna fare squadra tra lo Stato e le società di gestione. La nostra ambizione – ha concluso Alfano – è che si possano costruire anche stadi nuovi per rendere più belle architettonicamente alcune zone delle nostre città”.

Fonte: sportmediaset.it