Lapo, soffiata sulla notte col trans: “Hanno usato 165 milioni di euro”

Svela segreti e verità sulla famiglia Agnelli e sulle loro società l’ultimo volume di Gigi Moncalvo uscito su Amazon. Si parla dei Caracciolo, della rete di protezione e di silenzi di cui ha goduto l’impero torinese fin dai tempi di Giovanni Agnelli e di Dicembre la cassaforte delle casseforti da cui si controlla il gruppo (da 122 miliardi). Intervistato dal Fatto Quotidiano Moncalvo spiega che : “La Dicembre è stata costituita come società semplice, tipica società diffusa in Piemonte tra i coltivatori diretti, che non prevede l’obbligo di rendicontazione dei bilanci”, dal “2004 al 2014 a guidarla era Alessandro Barberis, che prima era direttore generale Fiat. La Sec, l’ autorità di Borsa americana, dovrebbe farsi delle domande sulla Dicembre, visto che controlla Fca che è quotata a New York”.

Tant’è, nella Dicembre ci sono Marella Caracciolo e John Elkann, i suoi due fratelli, Lapo e Ginevra, e gli altri cinque nipoti figli di Margherita, i De Pahlen. Lapo, rivela Moncalvo, “dopo la famosa notte brava (quella con il trans, ndr) è stato liquidato con 165 milioni di euro. Briciole. E sicuramente i fratelli di John non erediteranno da nonna Marella alcuna quota della Dicembre, dato che lei ha preferito John. Poi lo statuto impedisce a soci esterni di essere ammessi; John non potrebbe nemmeno far entrare sua moglie o i tre figli”.

Poi c’è la questione del presunto patrimonio estero dell’Avvocato, oggetto del contenzioso tra Margherita Agnelli e Marella Caracciolo: “Sono finora stati scoperti tre conti in Svizzera con 411 milioni di euro più un deposito da un miliardo nella sede di Zurigo della Morgan Stanley, ma quando i Pm italiani Fusco e Ruta nel 2009 hanno inoltrato le rogatorie alla Svizzera, Berna le ha negate. La banca, dopo aver bonificato alle due eredi Marella e Margherita i 108 milioni a testa del testamento, ha risposto alla figlia che chiedeva da quale conto venissero quei soldi, che il titolare, Giovanni Agnelli, dava disposizioni di non dare ulteriori informazioni”.

FONTEliberoquotidiano.it
CONDIVIDI