Lamela all’Inter conviene a tutti ma c’è da convincere il Tottenham

Lamela e l’Inter come Giulietta e Romeo: un matrimonio che sembra destinato a realizzarsi ma che qualcuno vuole ostacolare in tutti i modi.
In questo caso il don Rodrigo ha il nome di Franco Baldini, dirigente degli Spurs che vuole a tutti i costi trattenere l’argentino al White Hart Lane, per non rinnegare un investimento che egli stesso ha portato a buon fine e costato la bellezza di quasi 30 milioni di euro. Il giocatore, però, continua a scaldare la panchina e il rischio è quello di una drastica svalutazione del suo cartellino. L’ex giocatore della Roma, inoltre, vuole in tutti i modi giocarsi le sue carte per conquistare un posto nella Seleccion in vista del mondiale brasiliano.

Un trasferimento all’Inter (magari in prestito), quindi, gioverebbe a tutti: i nerazzurri eviterebbero di sborsare denaro (per la felicità del neoproprietario Erick Thohir), i londinesi eviterebbero una svalutazione del cartellino di un giocatore costato, appena pochi mesi fa, 30 milioni di euro, ed Erik Lamela potrebbe giocarsi le sue chances in vista del mondiale in un ambiente ideale, vista la folta presenza di argentini presente ad Appiano. Tutto possibile, a meno che “don Baldini” non ci metta lo zampino.