La soluzione di Mazzarri: due nomi su cui lavorare per una svolta

Era stato uno degli argomenti forti della conferenza stampa alla vigilia di Inter-Roma. Walter Mazzarri era stato pungolato in relazione alla sua scelta di rinunciare deliberatamente in questo avvio di stagione a due punte di ruolo, per dare spazio al solo Palacio supportato da Ricky Alvarez alle sue spalle. Una decisione che il tecnico nerazzurro aveva supportato prendendo ad esempio la stessa Roma, abile ad organizzare un’azione offensiva di grande livello pur non schierando nessun centravanti di ruolo ma con Totti a creare gli spazi per Florenzi e soprattutto Gervinho. Posto che l’impatto tra le due realtà è stato massacrante per la compagine nerazzurra, non resta che la ricerca delle contromisure nell’ottica di riuscire ad organizzare una squadra competitiva ed allo stesso efficace anche a livello offensivo. L’unico tiro in porta di Guarin contro la Roma è in tal senso un dato piuttosto significativo. La settimana di pausa per via delle Nazionali consentirà innanzitutto di lavorare con almeno due dei tre centravanti attualmente a disposizione (Icardi è con la Seleccion): Milito è appesantito ma recuperato, Belfodil escluso dall’Algeria e pronto a ritagliarsi un ruolo attivo in un avvio di stagione che lo ha visto relegato a quello di semplice comprimario. Posta l’intoccabilità di Ricky Alvarez confermatosi in grande spolvero al di là del leggero infortunio patito, la risposta potrebbe essere reperita nello spostamento dell’ex Velez al ruolo di mezz’ala con Palacio arretrato a seconda punta ed un vero centravanti davanti a lui. Soluzione sulla quale Mazzarri lavorerà alacremente per riportare in corsa un treno che viaggiava ma che ha sbandato in maniera inattesa e fragorosa.

Fonte: tuttomercatoweb.com