La rivoluzione di Mazzarri

Il Mazzarri furioso pensa a come ricostruire l’Inter. Si parte dalle ceneri di una squadra che nelle prima parte della stagione ha ben impressionato per poi andare in fumo giornata dopo giornata. Ora che non c’è più niente da bruciare l’allenatore sta pensando alle nuove mosse. Il mercato gli ha portato Hernanes, D’Ambrosio e… Botta. La rinascita interista deve partire proprio da qui e il tecnico è pronto a inserirli nel suo nuovo 3-5-1-1.

Hernanes sarà l’uomo della qualità. Thohir pretende un’idea di gioco e con il Profeta si può costruire qualcosa di buono, cosa che con Kuzmanovic in regia, non ce ne voglia il serbo, non era possibile. L’ex Lazio, costato 20 milioni di euro, ha su di sè già tutte le pressioni del caso. Domenica contro il Sassuolo farà il suo esordio: risolte tutte le questioni burocratiche e bancarie, allarme rientrato.

Poi c’è D’Ambrosio che dovrà ridare energia a un centrocampo spento e statico. La sua corsa sulla fascia destra può garantire più imprevedibilità alla manovra d’attacco e molto più palloni utili per gli attaccanti. In rampa di lancio c’è anche Ruben Botta che è rientrato dal prestito al Livorno, dove era stato parcheggiato a giugno senza mai giocare, e ha smaltito ottimamente l’infortunio al legamento crociato. Il 24enne centrocampista offensivo argentino ha fatto vedere che ha tutte le capacità per emergere e potrebbe prendere il posto di Kuzmanovic. Chi potrebbe finire ai margini del progetto è Kovacivic: Mazzarri lo ha criticato pubblicamente dopo il match con la Juve. La crescita del talento croato è per ora congelata. In più c’è da recuperare Guarin. Il tecnico parlerà con il colombiano che rappresenta una risorsa importante, sia tattica e tecnica quanto economica in vista del mercato di giugno.

In attacco servono anche i gol di Palacio, Milito e Icardi. Se il trio argentino ritroverà con continuazione la porta avversaria, allora la rivoluzione sarà riuscita.

LA PROBABILE FORMAZIONE: Inter (3-5-1-1): Handanovic; Campagnaro, Rolando, Juan Jesus; D’Ambrosio, Botta, Hernanes, Taider, Nagatomo; Alvarez, Palacio.

Fonte: Sport Mediaset